martedì, 16 Agosto 2022

ZeroAvia espande la sua gamma di propulsori aerei a idrogeno per includerne uno con 19 passeggeri

ZeroAvia sta intensificando il suo programma di motorizzazione a idrogeno di velivoli da 19 posti per decarbonizzare i viaggi aerei regionali.

La compagnia utilizzerà due Dornier 228 bimotore da 19 posti, uno nel Regno Unito e uno negli Stati Uniti, forniti rispettivamente da Aurigny e AMC Aviation, per dimostrare la possibilità di ridurre le emissioni di carbonio sulle rotte esistenti. 

La ricerca e sviluppo di un velivolo da 19 posti fa parte del progetto HyFlyer II, il secondo progetto guidato da ZeroAvia e sostenuto dal governo del Regno Unito, per mirare allo sviluppo di un gruppo propulsore a celle a combustibile a idrogeno. 

Come parte di HyFlyer I, ZeroAvia aveva dimostrato con successo un propulsore da 250 kW in un aereo da 6 posti in tre campagne di test di volo, raggiungendo tutti gli obiettivi tecnici del progetto, incluso il volo di crociera solo con celle a combustibile. Tutti gli insegnamenti di HyFlyer I saranno pienamente utilizzati nello sviluppo di un propulsore a 19 posti da 600 kW in HyFlyer II.

Per il velivolo da 19 posti, due unità da 600 KW del propulsore idrogeno-elettrico dell’azienda sostituiranno i due motori dell’aeromobile, insieme ai serbatoi di idrogeno che alla fine conterranno 100 kg di idrogeno gassoso compresso per supportare la gamma di 500 miglia dell’offerta commerciale nel 2024. Inoltre, ZeroAvia sta portando il software, il hardware, l’integrazione meccanica e il bilanciamento dell’impianto delle celle a combustibile allo stato certificabile. Il velivolo da 6 tonnellate avrà un’autonomia di 500 miglia nautiche.

La nuova struttura produttiva di ZeroAvia fungerà da base dedicata per lo sviluppo della classe di motori da 600 kW e segna un investimento significativo nell’espansione del suo programma di ricerca e sviluppo nel Regno Unito. 

La sede della società a Hollister, in California, assisterà il team britannico nei test e sarà responsabile della costruzione del secondo aereo dimostrativo per la commercializzazione della tecnologia in Nord America. 

ZeroAvia si è anche assicurata ulteriori 13 milioni di dollari per il suo programma di sviluppo di motori da oltre 50 posti da AP Ventures, un investitore significativo in tecnologie innovative lungo la catena del valore dell’idrogeno, Alumni Ventures GroupSGH CapitalAgartha Fund LP e gli investitori esistenti Amazon’s Climate Pledge Fund , Breakthrough Energy Ventures, Summa Equity, Shell Ventures, SYSTEMIQ e Horizons Ventures. Questo nuovo finanziamento integra l’investimento iniziale di 24 milioni di dollari annunciato dalla società poche settimane fa, portando l’investimento privato totale nello sviluppo di motori di grandi dimensioni ZeroAvia per aerei da 50+ posti a 37 milioni di dollari.

Val Miftakhov, fondatore e CEO di ZeroAvia ha dichiarato “Siamo ansiosi e pronti a iniziare a testare la nostra tecnologia di propulsione idrogeno-elettrica su un velivolo di dimensioni commerciali più grandi e grati ai nostri investitori e finanziatori per il loro continuo sostegno alla nostra visione per l’aviazione sostenibile. Varie proiezioni indicano che l’aviazione potrebbe rappresentare oltre il 25% degli effetti climatici indotti dall’uomo entro il 2050. Siamo sulla buona strada per aiutare a invertire questa tendenza, prima con i nostri test di successo a 6 posti e ora con la ricerca e sviluppo per il nostro 19 posti, e l’inizio del nostro programma da 50+ posti. L’idrogeno è l’unica soluzione pratica per un vero volo a impatto climatico zero e diventerà una realtà commerciale molto prima di quanto molti prevedano». 

L’azienda attualmente impiega circa 50 persone, ma prevede di espandersi a oltre 100 nei prossimi 12 mesi, sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito. 

Latest article