lunedì, 15 Agosto 2022

Verde, blu e rosa: il disegno di legge bipartisan per le infrastrutture degli Stati Uniti stanzia 9,5 miliardi di dollari per ridurre i costi dell’idrogeno pulito

Il nuovo disegno di legge su base bipartisan sulle infrastrutture degli Stati Uniti, se sarà approvato questa settimana dal Senato, come previsto, accenderà il fuoco sotto il settore americano dell’idrogeno pulito, promulgando leggi per:

• Una strategia e una tabella di marcia nazionali per l’H2;

9,5 miliardi di dollari federali in contanti da spendere per lo sviluppo della nascente industria, compresa una spinta per ridurre il costo dell’idrogeno verde a meno di 2 dollari/kg entro il 2026 (da più di 5 dollari/kg oggi); e

• Lo stanziamento di 8 miliardi di dollari negli anni fiscali 2022-2026 per stabilire almeno quattro hub regionali per la produzione e l’utilizzo di idrogeno verde, blu e rosa (nucleare).

Delle 2.702 pagine che costituiscono il punto di riferimento da 550 miliardi di dollari dello  “Infrastructure Investment and Jobs Act”, 27 sono dedicate alla ricerca e allo sviluppo nel settore dell’idrogeno, con la prima riga di questa sezione che afferma l’importanza dell’H2: “Il Congresso ritiene che l’idrogeno abbia un ruolo fondamentale nel portafoglio energetico completo degli Stati Uniti”.

È importante anche sottolineare che il disegno di legge fornisce una definizione per “idrogeno pulito“, vale a dire H2 prodotto in qualsiasi modo che emetta 2 kg o meno di anidride carbonica equivalente per ogni chilogrammo di idrogeno prodotto. Ciò include l’H2 verde derivato da fonti rinnovabili, la varietà “blu” prodotta da combustibili fossili con cattura e stoccaggio del carbonio e l’idrogeno prodotto dall’energia nucleare, spesso descritto come “rosa”. La definizione deve essere rivista dopo cinque anni dal Segretario per l’Energia, afferma il disegno di legge.

La normativa non fa menzione della tecnologia waste-to-hydrogen, per la quale sono stati recentemente firmati negli Stati Uniti i primi accordi di progetti commerciali.

Il disegno di legge sulle infrastrutture prevede la creazione di un programma di ricerca e sviluppo sull’idrogeno pulito, che mira a “dimostrare e commercializzare l’uso dell’idrogeno pulito nei settori dei trasporti, dei servizi pubblici, industriale, commerciale e residenziale“; e “dimostrare uno standard di produzione di idrogeno pulito” entro il 2040. Ciò include l’uso di H2 pulito per la generazione di energia; riscaldamento e acqua calda residenziale e commerciale; veicoli stradali leggeri, medi e pesanti; viaggio in treno; aviazione; spedizione; e applicazioni industriali come “produzione di acciaio, cemento, materie prime chimiche e calore di processo“.

Il programma di ricerca e sviluppo include anche lo stoccaggio e il trasporto di idrogeno pulito e “combustibili portatori di idrogeno“, siano essi in forma gassosa, liquida o solida. E c’è una menzione specifica del retrofit dell’infrastruttura del gas naturale esistente per il trasporto di idrogeno, miscele di H2 o vettori di idrogeno.

Entro 180 giorni dall’entrata in vigore del disegno di legge verranno stabiliti gli obiettivi del Segretario per l’Energia, per “affrontare le sfide a breve termine (fino a 2 anni), a medio termine (fino a 7 anni) e a lungo termine (fino a 15 anni) al progresso di sistemi e tecnologie a idrogeno pulito”. Il disegno di legge invita inoltre il Segretario all’Energia a selezionare almeno una proposta di hub da ciascuna delle tre rotte di produzione di idrogeno pulito: combustibili fossili, rinnovabili ed energia nucleare. Inoltre, ciascuno degli hub dovrebbe dimostrare usi diversi dell’idrogeno pulito: produzione di energia, produzione industriale, riscaldamento residenziale e commerciale e trasporti.

Il disegno di legge prevede inoltre che ogni hub regionale sia localizzato in diverse parti degli Stati Uniti, utilizzando fonti energetiche “che sono abbondanti in quella regione“.

Per inciso, gli 8 miliardi di dollari stanziati per gli hub sono superiori ai 7,5 miliardi di dollari stanziati nel conto per la costruzione di una rete nazionale di carica-batterie per veicoli elettrici.

Il disegno di legge sulle infrastrutture autorizza inoltre il Segretario all’Energia a spendere 500 milioni di dollari nel periodo finanziario 2022-26 in sovvenzioni pluriennali – e contratti con aziende e organizzazioni – per far avanzare progetti di ricerca, sviluppo e dimostrazione dell’idrogeno pulito, anche per la produzione, il trattamento, il trasporto, lo stoccaggio o l’utilizzo di H2.

Un ulteriore miliardo di dollari sarà speso in sovvenzioni e contratti nell’ambito di un “programma di ricerca, sviluppo, dimostrazione, commercializzazione e distribuzione” che mira a ridurre il costo dell’idrogeno prodotto dagli elettrolizzatori a meno di 2 dollari/kg entro il 2026, nonché “qualsiasi altro fine determinato dal Segretario all’ Energia”.

Latest article