giovedì, 1 Dicembre 2022

Shell vede un futuro redditizio per la cattura e lo stoccaggio del carbonio come servizio a terzi

Catturare le emissioni di gas serra e seppellirle sottoterra è un modo in cui il mondo spera di rallentare il riscaldamento globale. Potrebbe anche essere una fonte di guadagno per le aziende petrolifere e del gas che sviluppano la tecnologia.

L’industria utilizza da decenni la sequestrazione dell’anidride carbonica come un modo per pompare più idrocarburi dal terreno (EOR ovvero Enhanced Oil Recovery). Oggi le aziende energetiche, con l’aiuto di sussidi governativi, stanno cercando di migliorare la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio, non solo per seppellire le proprie emissioni, ma anche quelle prodotte da altre industrie come l’acciaio e il cemento.

L’industria creerà “molto rapidamente” l’uso di “CCS come un servizio “, ha affermato in una recente intervista Maarten Wetselaar, Head of Integrated Gas, Renewables and New Energy Solutions di Royal Dutch Shell.

La major energetica è attualmente attiva in una serie di importanti progetti CCS, dal progetto Northern Lights  in Norvegia a Porthos nei Paesi Bassi. Martedì scorso Shell ha anche detto che stava proponendo di costruire una struttura su grande scala con una capacità di stoccaggio di 300 milioni di tonnellate nel suo Complesso di Scotford in Alberta, in Canada. Tuttavia, finora solo due di questi grandi progetti sono operativi, Quest in Canada e il progetto Gorgon gestito dalla Chevron Corp. in Australia. Questi progetti sono “unidimensionali”, in quanto “molto concentrati sulle nostre emissioni per le nostre risorse”, afferma il capo della Shell di CCS Syrie Crouch.

La domanda ora si è spostata su ciò che CCS può offrire oltre a catturare le emissioni della Shell, afferma Crouch. Che si tratti di aiutare l’industria dell’idrogeno blu – che richiede la cattura delle emissioni – o di offrire servizi di rimozione del carbonio agli emettitori pesanti negli hub industriali.

È probabile che molti grandi emettitori considerino CCS come qualcosa al di là delle loro competenze principali e quindi cercheranno di esternalizzare il processo in una forma di ‘outsourcing’, ha scritto l’analista di HSBC Holdings Plc Tarek Soliman in una nota di ricerca il 30 giugno. Potrebbero essere in grado di “collegarsi” a una rete di gestione del carbonio come un modo per catturare le loro emissioni. “L’uso più ampio della CO2 nelle industrie di processo come input potrebbe anche facilitare un mercato in cui catturare e fornire anidride carbonica diventa un’attività redditizia“, ​​afferma Soliman.

Mentre CCS è destinato a svolgere un ruolo chiave nel percorso verso il ‘net-zero’, i critici affermano che la fattibilità della tecnologia su grande scala è finora non dimostrata. Lo scenario di Shell per mantenere il riscaldamento globale entro 2 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali entro il 2070 prevede che nei prossimi cinque decenni dovranno essere costruite 10.000 grandi strutture, dalle meno di 50 in funzione lo scorso anno.

Sostenuto dalla norvegese Equinor ASA, TotalEnergies SE e Shell, il progetto Northern Lights nel Mare del Nord rappresenta la fase successiva nello sviluppo di CCS puramente come industria dei servizi. L’impresa liquefarà le emissioni industriali di CO2, le trasporterà in mare aperto e le seppellirà. “Stiamo dicendo, ecco un lavandino, ecco una soluzione di spedizione e verremo a ritirare la tua CO2, la riprenderemo e la conserveremo per te a una tariffa“, afferma Crouch.

Il modello potrebbe persino diventare: “Ti venderò gas naturale e mi riprenderò la CO2“, afferma Wetselaar. Ciò aggiunge ulteriori livelli di complessità: prezzi del carbonio, costi di spedizione, trasporto transfrontaliero. Ma poiché ci sono un numero crescente di paesi con obiettivi net-zero, questi problemi vengono sempre più esplorati.

Ci sono molte cose da mettere in pratica, ma è qualcosa di cui si discute“, afferma Crouch.

Latest article