venerdì, 2 Dicembre 2022

Shell investe pesantemente nella transizione energetica e nella decarbonizzazione

Andy Gosse, Presidente, Shell Catalysts & Technologies, ha tenuto la  keynote presentation  alla conferenza IRPC Operations a Houston. 

Gosse ha parlato dei progetti che consentono la decarbonizzazione della raffineria Shell di Pernis da 400.000 bpd nei Paesi Bassi, tra cui il progetto Porthos carbon-capture-and-storage (CCS), una nuova unità di processo di raffinazione rinnovabile per produrre biocarburanti a Pernis e la produzione di idrogeno verde attraverso il Rotterdam Energy Hub.

Con questi progetti, Shell porterà avanti il suo obiettivo di fornire soluzioni energetiche sempre più pulite per accelerare la transizione verso l’azzeramento delle emissioni nette. Shell punta anche alle operazioni a emissioni zero entro il 2050, al passo con la società civile e con le richieste dei clienti.

Nel decennio in corso, Shell sta implementando molti sforzi per la transizione energetica: l’eliminazione del flaringcome routine e il mantenimento dell’intensità delle emissioni del metano al di sotto dello 0,2%; passaggio a più gas naturale nel mix di idrocarburi (55%); produrre otto volte più carburanti a basse emissioni di carbonio rispetto a oggi e aumentare le vendite di carburanti a basse emissioni a oltre il 10% delle vendite totali dei carburanti per i trasporti (rispetto al 3% nel 2020); mirare a oltre 25 MMtpy di carbonio catturato e immagazzinato (entro il 2035), e altri, come la produzione di idrogeno blu e verde.

Latest article