venerdì, 19 Agosto 2022

EasyJet chiede ai Governi di appoggiare la scommessa dell’Airbus sui velivoli a idrogeno

EasyJet sostiene che i Governi devono sostenere lo sviluppo di velivoli a emissioni zero, compresi i modelli alimentati a idrogeno progettati da Airbus, se vogliamo che diventino realtà entro il 2030

Le compagnie aeree che operano tali aerei dovrebbero beneficiare dalle agevolazioni fiscali e dalla riduzione dei diritti aeroportuali e sugli spazi aerei, mentre il sostegno statale sarà fondamentale per lo sviluppo di forniture e infrastrutture di idrogeno, ha dichiarato martedì l’amministratore delegato di EasyJet Johan Lundgren durante un evento pubblico a Tolosa, Francia, sui progetti di sostenibilità di Airbus. 

L’industria aeronautica ha presentato una serie di proposte mentre cerca di rifinire le sue credenziali ecologiche prima del vertice sul clima COP26 del prossimo mese in Scozia. EasyJet ha affermato che, sebbene abbraccerà misure a breve termine come il carburante per l’aviazione sostenibile, la soluzione a lungo termine più efficace per gli operatori a corto raggio è un passaggio in grande stile all’ idrogeno a zero emissioni di carbonio e agli aerei elettrici.

Deve essere uno sforzo da parte di tutti, compresi i governi, per assicurarsi che ci sia un piano su come decarbonizzare“, ha detto Lundgren all’evento a Tolosa, in Francia. “Una delle cose su cui sono scettico sono i tentativi ben intenzionati di alcuni responsabili politici che strangolano l’aviazione influendo sulla domanda“. 

Le compagnie aeree fanno attualmente affidamento sulle compensazioni di carbonio come risposta immediata alla riduzione delle emissioni, con il ruolo di SAF (Sustainable Aviation Fuel) limitato dalla mancanza di disponibilità e dai conseguenti maggiori costi. Anche così, il CEO ha affermato di essere preoccupato che troppa attenzione a SAF rischi di danneggiare gli investimenti in vere tecnologie a emissioni zero. 

La quota di CO2 prodotta dall’aviazione commerciale dai combustibili fossili è aumentata del 29% tra il 2013 e il 2019, secondo l’International Council on Clean Transportation di Washington, e il settore deve affrontare un nuovo scrutinio quando i voli riprenderanno a seguito del crollo causato dalla pandemia. 

In un comunicato prima di parlare all’evento, Lundgren ha affermato che le tasse sull’aviazione dovrebbero essere investite nei budget di ricerca e sviluppo. EasyJet, con sede a Luton, in Inghilterra, ha stretto una partnership con Airbus per lo sviluppo di un aereo a idrogeno entro il 2035 e mira a raggiungere lo zero netto nelle proprie emissioni entro il 2050. 

Airbus ha affermato separatamente che sta intensificando la collaborazione con Air France-KLM e l’agenzia di navigazione spaziale francese DSNA per lo sviluppo di “voli più efficienti dal punto di vista energetico” a seguito di un viaggio dimostrativo da Parigi a Tolosa all’inizio del forum sulla sostenibilità.

Latest article