domenica, 7 Agosto 2022

Semaforo verde o greenwash? L’impegno ‘net zero’ dell’Arabia Saudita sotto esame in vista del COP26

L’aspirazione appena svelata dell’Arabia Saudita di raggiungere il ‘net zero’ entro il 2060 pur mantenendo il suo status di potenza globale per l’esportazione di petrolio è stata criticata da molti scettici, anche se la mossa è stata salutata come una svolta da alcuni leader mondiali. 

Mettiamo in dubbio la gravità di questo annuncio, poiché arriva in parallelo con i piani per il regno di aumentare la sua produzione di petrolio“, ha detto il manager delle campagne MENA di Greenpeace Ahmad El Droubi in una dichiarazione dopo la promessa a doppio binario dell’Arabia Saudita di ripulire le proprie operazioni mantenendo gli idrocarburi che fluiscono verso l’estero. 

L‘Arabia Saudita ha fissato l’obiettivo del 2060 insieme all’impegno del suo gigante nazionale dei combustibili fossili Saudi Aramco di raggiungere lo zero netto attraverso le proprie attività e operazioni entro il 2050, con piani che includono massicci investimenti per consentire al regno di diventare uno dei “più grandi imprenditori del mondo quando arriva all’idrogeno blu” prodotto utilizzando gas accoppiato alla CCS. Ma le emissioni delle vaste esportazioni di petrolio del regno non sarebbero incluse negli obiettivi. 

Allo stesso tempo ha chiarito che la spinta allo zero netto “non avrà un impatto finanziario o economico negativo sulle esportazioni di petrolio” e che Aramco intende effettivamente espandere la sua capacità di produzione di petrolio. 

L’annuncio dello zero netto nel fine settimana non ha aumentato un precedente obiettivo fissato per una quota di alimentazione del 50% per le rinnovabili entro il 2030 che i commentatori avevano già etichettato come ambizioso, dato che il regno aveva solo 413 MW di rinnovabili in servizio entro la fine del 2020 fornendo meno dell’1% della sua potenza. 

L’Arabia Saudita è desiderosa di attingere a risorse rinnovabili che le consentano di produrre energia eolica e solare tra le più economiche al mondo. All’inizio di quest’anno ha annunciato piani per altri 3,6 GW di progetti solari con prezzi a partire da $ 10/MWh, mentre l’energia eolica da $ 21,30/MWh di Dumat Al Jandal è tra le più economiche al mondo. Questi prezzi ultra-economici sono fondamentali per uno dei megaprogetti di energia verde più orientati al futuro dell’Arabia Saudita, la mega-città Neom da 500 miliardi di dollari che sarebbe stata progettata per essere alimentata da un massimo di 40 GW di eolico e solare e includere un’importante produzione di idrogeno verde.

Latest article