martedì, 9 Agosto 2022

Regno Unito: proposto un nuovo schema per la rapida decarbonizzazione delle risorse petrolifere con l’eolico e idrogeno

Cerulean Winds, un developer di infrastrutture ‘verdi’, ha rivelato un piano per accelerare la decarbonizzazione delle risorse petrolifere e del gas attraverso uno sviluppo integrato dell’eolico e idrogeno galleggiante con l’uso di 200 turbine, che rivoluzionerebbe l’abbattimento delle emissioni e creerebbe molti nuovi posti di lavoro.

Il progetto di infrastrutture verdi da 10 miliardi di sterline avrebbe la capacità di abbattere 20 milioni di tonnellate di CO2 attraverso i progetti simultanei del Mare del Nord a ovest delle Shetland e nel Mare del Nord centrale, ha rivelato Cerulean Winds in una dichiarazione martedì scorso.

L’impresa chiede ora ai governi del Regno Unito e della Scozia di presentare un caso “eccezionale” per ottenere un risultato “straordinario” per l’economia e l’ambiente. Una richiesta formale di locazione dei fondali marini è stata presentata a Marine Scotland.

Cerulean Winds è guidata da imprenditori seriali Dan Jackson e Mark Dixon, che hanno più di 25 anni di esperienza di lavoro insieme su sviluppi di infrastrutture offshore su larga scala nel settore del petrolio e del gas. Ritengono che il rischio di non procedere rapidamente con la decarbonizzazione dell’intero bacino minerebbe completamente gli obiettivi fissati nel recente accordo di transizione del Mare del Nord.

In base a questo accordo, il governo del Regno Unito ha promesso che i lavoratori altamente qualificati del settore petrolifero e del gas e la catena di approvvigionamento non sarebbero rimasti indietro nella transizione verso un futuro a basse emissioni di carbonio.

Dan Jackson, direttore fondatore di Cerulean Winds, ha dichiarato: “Il Regno Unito sta progredendo nella transizione energetica, ma è necessario un senso di urgenza e un approccio congiunto per consentire una rapida decarbonizzazione delle risorse petrolifere e del gas o c’è il rischio di uno smantellamento anticipato e significative perdite di posti di lavoro.

“Le emissioni non sono più giustamente accettabili, ma con l’arrivo di sanzioni e tasse sulle emissioni, il ruolo dell’industria petrolifera e del gas del Regno Unito nella sicurezza energetica interna durante la transizione potrebbe essere minacciato a meno che gli attuali sforzi di decarbonizzazione non vengano notevolmente accelerati. Le conseguenze di non muoversi abbastanza velocemente saranno catastrofiche per l’economia e l’ambiente”.

Lo sviluppo proposto coinvolge l’uso di oltre 200 tra le più grandi turbine eoliche galleggianti nei siti a ovest delle Shetland e nel Mare del Nord centrale, con una capacità di 3 GW all’ora, alimentando le strutture offshore e 1,5 GW all’ora di corrente elettrica in eccesso agli impianti di idrogeno verde a terra.

Implica anche la capacità di elettrificare la maggior parte degli attuali asset dell’UKCS, nonché il potenziale di produzione futuro dal 2024 per ridurre le emissioni ben prima degli obiettivi di abbattimento. Include anche una disponibilità del 100% di energia verde per le piattaforme offshore a un prezzo inferiore all’attuale generazione di turbine a gas attraverso uno schema autosufficiente senza costi iniziali per gli operatori.

Inoltre, prevede lo sviluppo di idrogeno verde su larga scala e un potenziale di esportazione di idrogeno di 1 miliardo di sterline e nessun sussidio o requisiti CFD e centinaia di milioni di sterline per entrate governative tramite contratti di locazione e tasse fino al 2030.

Cerulean ha osservato di aver intrapreso la necessaria pianificazione delle infrastrutture per lo schema per garantire il livello richiesto di prontezza del progetto, mirando alla chiusura finanziaria nel 1Q 2022. La costruzione inizierà subito dopo con l’energizzazione a partire dal 2024. Un modello di finanziamento del progetto infrastrutturale, comunemente progetti di capitale è in corso di adozione.

Société Générale, un gruppo europeo di servizi finanziari, sta fornendo consulenza a Cerulean Winds.

Allan Baker, Global Head of Power Advisory and Project Finance, ha commentato: “Il progetto di decarbonizzazione Cerulean UKCS ha il potenziale per soddisfare tutte le esigenze di transizione del bacino riducendo le emissioni di petrolio e gas il più rapidamente possibile e introducendo anche energia verde su larga scala“.

Anche i consulenti finanziari aziendali del settore energetico Piper Sandler stanno fornendo consulenza.

Tim Hoover, Managing Director, Project Finance Investment Banking presso Piper Sandler ha aggiunto: “I banchieri d’investimento di Piper Sandler nel Regno Unito e negli Stati Uniti hanno collaborato con la leadership di Cerulean nell’ultimo anno per sviluppare il modello di decarbonizzazione UKCS e siamo lieti che sia ora in fase di approvazione normativa; è uno schema che comprende le esigenze e le esigenze dei mercati finanziari per renderlo bancabile.”

Latest article