giovedì, 18 Agosto 2022

Prospettive per l’ idrogeno verde in Australia

Con l’obiettivo in mente di energia pulita, le reti di gas naturale australiane stanno testando la miscelazione dell’idrogeno con il gas e la produzione di metano verde per sostituire i combustibili fossili

23 febbraio, 2021

Sanja Pekic – OffshoreEnergy

Reuters riferisce che il sistema australiano dei gasdotti e i proprietari della rete hanno già investito 180 milioni di dollari australiani in progetti che coinvolgono l’idrogeno verde, in linea con il sostegno dei governi nazionali e statali per l’idrogeno.

Ciò viene fatto per contribuire a ridurre le emissioni di carbonio e raggiungere l’obiettivo ‘net zero’  entro il 2050.

Le società stanno lavorando su un lasso di tempo più breve del 2050, poiché alcuni stati stanno spingendo per avere il 10% di idrogeno nei gasdotti entro il 2030, secondo Reuters. Le aziende stanno quindi cercando finanziamenti governativi per progetti sull’idrogeno e mirano a mostrare come la loro infrastruttura possa essere utilizzata per fornire idrogeno in miscele con gas e immagazzinare idrogeno come forma di stoccaggio di energia rinnovabile.

Uno studio sanzionato dal governo ha dimostrato che per raggiungere le emissioni ‘net zero’ entro il 2050, la costruzione di una rete di distribuzione dell’idrogeno costerebbe la metà dell’espansione delle reti elettriche per servire le imprese e le industrie che attualmente fanno affidamento sul gas. Ciò farebbe risparmiare all’Australia circa 13 miliardi di dollari australiani.

Ben Wilsonamministratore delegato dell’Australian Gas Infrastructure Group (AGIG), ha dichiarato a Reuters: “È un rischio aziendale che tutti dobbiamo gestire. Quello che era iniziato come difensivo è diventato un’opportunità, soprattutto date le nostre fonti di energia rinnovabile. Possiamo diventare il più grande esportatore mondiale di idrogeno verde “.

Uno studio separato ha rilevato che l’idrogeno può essere aggiunto in sicurezza alle forniture di gas fino al 10% in volume senza dover modificare condutture o apparecchi.

L’AGIG inizierà a iniettare una miscela del 5% di idrogeno verde in volume nel gas il prossimo mese, come primo test dell’idrogeno in una rete di distribuzione in Australia. Jemena sta lavorando a un progetto simile sostenuto dal governo a Sydney, miscelando fino al 2% di idrogeno nella rete del gas locale entro la fine dell’anno.

L’ Australian Renewable Energy Agency ha detto a Reuters che altri progetti sono in lavorazione, con società di gasdotti selezionate per un finanziamento di 70 milioni di dollari australiani da parte del governo.

Secondo quanto riferito, l’industria sta prendendo in considerazione per il futuro l’operatore europeo della rete energetica E.ON. E.ON sta convertendo un gasdotto in Germania per fornire idrogeno puro.

Il miglior sostituto del gas naturale, oltre all’idrogeno, è considerato il metano verde. Possibile da produrre commercialmente, il metano è chimicamente uguale al gas naturale, il combustibile fossile. 

La più grande società di gasdotti australiana APA Group sta costruendo un impianto dimostrativo nel Queensland che utilizzerebbe l’energia solare per alimentare un elettrolizzatore per scindere l’acqua, produrre idrogeno e combinarlo con l’anidride carbonica estratta dall’aria per produrre metano.

Se il progetto dovesse avere successo, sarebbe compatibile con l’infrastruttura GNL esistente e non ci sarebbe bisogno di retrofit, ha spiegato a Reuters Hannah McCaughey, responsabile della trasformazione di APA. Potrebbe aiutare tutte le aziende in tutto il mondo, come APA, che hanno miliardi di dollari investiti in condotte che servono impianti GNL.

Latest article