lunedì, 15 Agosto 2022

“L’idrogeno sarà il fulcro” di Sinopec che punta a emissioni ‘net zero’ entro il 2050

L‘ idrogeno grigio (inizialmente), blue e verde saranno fondamentali per lo sviluppo delle ambizioni della società leader cinese

31 marzo, 2021

La Redazione

Sinopec, la seconda compagnia energetica cinese, mira a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, un decennio prima dell’obiettivo nazionale di emissioni nette pari al 2060 fissato lo scorso settembre dal presidente cinese Xi Jinping. 

Il nuovo obiettivo dell’azienda di emissioni ‘net zero’ entro il 2050 – annunciato in un certo dettaglio in una call dal Presidente Zhang Yuzhuo – è significativo in quanto Sinopec è il maggior raffinatore di petrolio al mondo, con una capacità di distillazione del greggio superiore a 6 mln bl /g. Implementerà anche altre misure per ridurre la sua impronta di carbonio, compresa la raffinazione, con emissioni ‘net zero’ come obiettivo finale. 

L’idrogeno sarà il fulcro della transizione energetica di Sinopec … Vogliamo diventare la prima società cinese di idrogeno “, ha affermato Zhang.

L’azienda prevede di sviluppare progetti di idrogeno verde, che utilizzeranno l’energia rinnovabile e l’elettrolisi. Sinopec ha annunciato che costruirà 1000 stazioni di rifornimento di  idrogeno nei prossimi cinque anni – rispetto al totale attuale di appena 10 – come parte di un piano più ampio per diventare il leader  cinese nell’  idrogeno. 

I veicoli a celle a combustibile a idrogeno dovrebbero essere utilizzati durante i Giochi olimpici invernali del 2022 a Pechino. Il progetto Yanshan sta già fornendo 500 kg di idrogeno a Pechino attraverso le celle a combustibile a idrogeno. 

Sinopec ha anche firmato una lettera di intenti con Enze Haihe Fund e Cummins, il principale fornitore cinese di soluzioni per turbine elettriche, per lavorare su progetti che coinvolgono la produzione di idrogeno verde.

I primi progetti di sviluppo dell’idrogeno di Sinopec in Cina si basano su unità di idrogeno tradizionali costruite in tre importanti impianti integrati di raffinazione e petrolchimica – Yanshan Petrochemical, Guangzhou Petrochemical e Gaoqiao Petrochemical.   La società sta costruendo una nuova unità di reforming e cracking della nafta che produrrà idrogeno grigio nel suo complesso petrolchimico di Yanshan a Pechino, con una capacità di produzione di 2000 metri cubi all’ora di idrogeno gassoso non compresso. 

Oltre alle sue ambizioni nell’idrogeno, Sinopec sta promuovendo il recupero e l’utilizzo di CO2 ad alta concentrazione da operazioni di raffinazione e chimica. L’azienda mira a ridurre le sue emissioni di metano dalla produzione di petrolio e gas del 50% entro il 2025 e ha avviato un programma pilota per costruire una base CCUS (cattura, utilizzo e stoccaggio dell’anidride carbonica) nella provincia di Jiangsu, nella Cina orientale. 

Nella città di Nanchino, Jiangsu Sinopec Nanjing Chemical e Sinopec Huadong Petroleum Bureau, che gestisce il giacimento petrolifero di Jiangsu, hanno già installato due unità CCUS, con una capacità annua di 100.000 tonnellate. Le due unità catturano l’anidride carbonica emessa dalle unità di ammoniaca sintetica e dalle unità carbone-gas. La CO2 viene reiniettata nei giacimenti petroliferi per migliorare il recupero del petrolio nel giacimento di Jiangsu. Sinopec ha affermato che aumenterà la capacità CCS del progetto pilota di Jiangsu a 1 mln di tonnellate entro il 2025.

Latest article