giovedì, 1 Dicembre 2022

L’idrogeno mette alla prova le major americane del gas

Analogamente a quanto ha fatto recentemente la SNAM, almeno due dozzine di aziende energetiche statunitensi, tra cui Dominion Energy Inc. e Sempra Energy, hanno iniziato a produrre idrogeno o a testarne la fattibilità nei tubi del gas naturale per sfruttare le infrastrutture esistenti, poiché il mondo ora dà la priorità ai combustibili a basse emissioni di carbonio.

L’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2050 farà molto affidamento sulla tecnologia – come l’idrogeno – che è in fase di sviluppo. I servizi pubblici hanno un potenziale vantaggio se scoprono che l’idrogeno a combustione pulita può essere trasportato con successo nei tubi del gas e nelle centrali elettriche esistenti.

Ma i governi hanno bisogno di leggi e regolamenti per incoraggiare le compagnie energetiche a spendere miliardi per ridurre i costi di produzione dell’idrogeno verde, hanno detto gli analisti, prima che possa sostituire i combustibili fossili. Quasi tutta la produzione mondiale di idrogeno avviene attualmente attraverso combustibili fossili e le grandi aziende di servizi pubblici stanno attualmente testando miscele di gas naturale e idrogeno nelle loro condotte.

Le aziende che stanno sperimentando l’idrogeno sono in fase iniziale. La canadese Enbridge Inc.  sta miscelando fino al 2% di idrogeno nei suoi sistemi di distribuzione del gas naturale in Ontario e ha appena ricevuto l’approvazione per miscelare l’idrogeno nel  Quebec.

Stiamo cercando di capire il potenziale con il sistema esistente oppure, mentre continuiamo a modernizzare il sistema di gasdotti, per garantire che la nuova costruzione sia pronta per l’idrogeno“, ha affermato Pete Sheffield, Chief Sustainability Officer di Enbridge.

La utility Southern California Gas (SoCalGas) di Sempra, che fornisce gas a 22 milioni di consumatori, sta lavorando con programmi pilota per testare il carburante nelle sue condotte e per vedere come una miscela con il gas naturale influisce sui tubi dell’azienda, nonché sugli elettrodomestici e su  altre attrezzature.

Il primo progetto fornirebbe l’idrogeno in un’area prevalentemente residenziale che SoCalGas può isolare dal resto del suo sistema di distribuzione, ha affermato Jawaad ​​Malik, responsabile ambientale.

Dominion, con sede in Virginia, sta testando una miscela di idrogeno al 5% in una struttura di addestramento nello Utah e ha recentemente proposto un impianto pilota simile nella Carolina del Nord, ha affermato il portavoce di Dominion Aaron Ruby.

L’idrogeno è considerato pulito solo se viene prodotto utilizzando fonti energetiche a bassa o nessuna emissione di carbonio come biomassa, nucleare, energie rinnovabili o combustibili fossili abbinati alla tecnologia di cattura dell’ anidride carbonica.

Questo tipo di proposte non ha ancora dimostrato un percorso verso un sistema di gas profondamente decarbonizzato“, ha affermato Julie McNamara, analista senior dell’energia per l’Unione degli scienziati interessati.

Quasi ogni turbina a gas utilizzata per produrre energia può bruciare combustibili contenenti circa il 5% al ​​10% di idrogeno, ha affermato Jeff Goldmeer, direttore delle tecnologie emergenti per la decarbonizzazione di General Electric. Ciò ridurrebbe le emissioni di anidride carbonica dal gas naturale del settore energetico, che è stata una delle fonti di domanda di gas in più rapida crescita.

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), circa il 36% delle emissioni di carbonio legate all’energia proviene dalla generazione di elettricità alimentata da combustibili fossili.

Per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050, l’uso globale di idrogeno deve espandersi a più di 200 milioni di tonnellate nel 2030 da meno di 90 milioni di tonnellate nel 2020, secondo l’AIE.

Raggiungere quell’obiettivo sarà difficile. La produzione e il trasporto dell’idrogeno costano più del gas naturale, per ora. Gli analisti di Evercore ISI hanno affermato in un rapporto di questa settimana che l’idrogeno verde potrebbe diventare competitivo in termini di costi con versioni meno pulite entro il 2030.

GE ha più di 75 turbine in tutto il mondo che utilizzano o hanno utilizzato combustibili contenenti idrogeno, che hanno prodotto più di 450 terawattora (TWh) di potenza. Secondo i dati federali degli Stati Uniti, le strutture su larga scala degli Stati Uniti hanno generato circa 4.009 TWh di elettricità nel 2020.

La tecnologia dovrà avanzare ulteriormente per bruciare l’idrogeno come combustibile praticabile anziché solo come una piccola percentuale di una miscela di gas naturale.

L’idrogeno pulito sarà limitato nella fornitura per il prossimo futuro“, ha affermato McNamara. “Fonderlo a un livello basso in un gasdotto che dovrebbe passare all’elettrificazione non è la strada giusta da intraprendere oggi“.

Latest article