domenica, 27 Novembre 2022

L’Amministratore Delegato di Technip Energies illustra le ultime mosse nell’ idrogeno

Secondo Arnaud Pieton, Amministratore Delegato di Technip Energies, uno dei piu’ grandi EPC general contractor al mondo con sede a Parigi, la vastità e la quantità dei progetti di idrogeno blu e ammoniaca blu attualmente in fase di progettazione supera di gran lunga gli schemi proposti di idrogeno verde.  

Due mesi fa, l’azienda ha lanciato la sua iniziativa ‘Blue H2 by T.EN’, offrendo all’industria quella che ha descritto come una “suite di soluzioni di idrogeno convenienti e a basse emissioni di carbonio“. Queste soluzioni, afferma Technip Energies, possono ridurre drasticamente le impronte di anidride carbonica fino al 99% rispetto ai tradizionali processi di produzione dell’idrogeno e può ridurre il costo dell’idrogeno blu avvicinandolo a quello dell’idrogeno grigio. 

Nulla è stato detto al lancio dell’iniziativa sulle dimensioni degli impianti di idrogeno e di ammoniaca blu, o su quelle regioni che più probabilmente potrebbero sviluppare schemi di idrogeno blu o ammoniaca. Tuttavia, Pieton è stato più espansivo su quella che ha chiamato “l’onda blu” durante il webcast dei risultati del secondo trimestre di Technip Energies il 22 luglio. “L’H2 blu e l’ammoniaca blu possono essere sviluppati su grande scala… questo interesserebbe i produttori di gas… l’equivalente di vari gigawatt“, ha detto. “Stiamo parlando di progetti 10-20 volte più grandi di qualsiasi iniziativa di idrogeno verde contemplata in questo momento. Non fraintendetemi, di certo non stiamo ignorando l’onda verde, ma c’è un’onda di transizione blu che avrà luogo prima che l’ idrogeno verde sostenibile entri pienamente in gioco”. 

Pieton ha affermato che Technip Energies è “già attiva nel lavoro FEED retribuito per l’idrogeno blu e… siamo ugualmente attivi nell’area correlata dell’ammoniaca blu su grande scala“. Non ha identificato alcun schema H2 blu, ma gli esempi includono un impianto da 1 GW proposto nel Regno Unito da BP e un impianto da 2,7 GW preso in considerazione in Germania da Equinor, Open Grid Europe e Thyssenkrupp Steel

Technip Energies e Saipem sono coinvolte in una gara di progettazione per lo stabilimento Barents Blue di Horisont Energi in Norvegia. A novembre, Horisont selezionerà il suo offerente preferito che si occuperà di FEED, e anche del lavoro EPC, con l’obiettivo di avviare l’impianto da 3000 tonnellate al giorno nel 2025. 

Discutendo di regioni che potrebbero ospitare progetti di idrogeno blu, Pieton ha spiegato “ci sono determinate condizioni richieste per essere praticabile” compresa la disponibilità di gas a basso costo, infrastrutture di gasdotti e capacità di sequestro di CO2. “Pertanto, alcune aree geografiche come il Mare del Nord, la Russia, il Nord America e il Medio Oriente potrebbero prendere in considerazione lo sviluppo di hub di esportazione di idrogeno“, ha affermato. “Riteniamo che molti dei nostri clienti potrebbero dedicare parte delle loro riserve di gas naturale per il blu su larga scala progetti di idrogeno e ammoniaca blu“, ha aggiunto.

Latest article