giovedì, 18 Agosto 2022

‘Lacq Hydrogen’, l’enorme progetto franco-spagnolo darà l’impulso allo sviluppo dell’infrastruttura per l’idrogeno verde

Il progetto industriale guidato da Teréga (controllata da Snam al 40 %) e ancorato nei territori di Francia e Spagna, fa parte del progetto spagnolo Green Crane per produrre ed esportare idrogeno rinnovabile attraverso importanti sviluppi di nuove pipeline

12 Aprile, 2021

La Redazione

L’obiettivo del progetto è quello di aggiungere 6.800 km di gasdotto entro il 2030 per collegare le “valli dell’idrogeno” con una rete paneuropea di idrogeno di 22.900 km entro il 2040, il 75% dei quali saranno gasdotti convertiti.

In questo progetto, l’idrogeno che alla fine verrà trasportato attraverso il gasdotto sarà prodotto dall’elettrolisi dell’acqua in Spagna con l’energia solare a prezzi molto competitivi a causa delle grandi risorse solari nella regione di Aragón.

La trasmissione alla centrale sarà fornita dalle reti del gas Enagás e Teréga finche’ non sarà sviluppata l’infrastruttura dedicata all’idrogeno.

Oltre a questo, è in programma anche lo sviluppo di una centrale elettrica a ciclo combinato costruita e gestita da GazelEnergie e situata all’interno dell’area industriale di Lacq.

Questo impianto sarà alimentato con idrogeno dal 2026 e produrrà energia rinnovabile al 100%, impedendo così lo scarico di oltre 700.000 tonnellate di emissioni di CO2 all’anno.

Jean-Michel Mazalérat, Presidente e CEO di GazelEnergie, ha dichiarato: “Il progetto Lacq Hydrogen, certamente ambizioso, risponde a questi obiettivi e, grazie alla collaborazione con Enagás, DH2 e Teréga, ci consentirà di implementare una soluzione di energia verde. “

Thierry Lepercq, Presidente di DH2 Energy, ha ribadito i vantaggi del progetto quando ha affermato: “Lacq Hydrogen è la perfetta dimostrazione del ruolo emergente dell’idrogeno verde come pietra angolare di sistemi di energia rinnovabile al 100% completamente affidabili“.

In DH2 Energy siamo orgogliosi di consentire un tale progetto con i volumi molto grandi di idrogeno a prezzi competitivi forniti dai nostri impianti solari ed elettrolisi in Spagna“.

Teréga, Enagás, GazelEnergie e DH2 Energy hanno infatti firmato un Memorandum of Understanding in merito al progetto franco-spagnolo Lacq idrogeno in cui il gruppo studierà lo sviluppo della catena del valore dell’idrogeno rinnovabile tra le due nazioni.

Il progetto mirerà a studiare la produzione e la fornitura di idrogeno rinnovabile dalla Spagna alla Francia tra DH2 e GazelEnergie, nonché la trasmissione di idrogeno dalla Spagna alla Francia tra Enagás e Teréga.

Oltre a questo, studierà lo stoccaggio e la trasmissione dell’idrogeno sulla rete Teréga per fornire idrogeno alla centrale elettrica rinnovabile di GazelEnergie, nonché la produzione di energia rinnovabile, che sarebbe dispacciabile al 100%, tramite una centrale elettrica a ciclo combinato gestita da GazelEnergie.

Dominique Mockly, Presidente e CEO di Teréga, ha dichiarato: “La collaborazione con GazelEnergie, DH2 ed Enagás è una pietra miliare nell’accelerazione dello sviluppo di massa dell’idrogeno verde per l’Europa e tutte le regioni”.

Siamo orgogliosi di contribuire alla gestione di questo progetto pionieristico all’interno di un settore che fa notizia, che ha un forte potenziale e che, siamo convinti, ha un grande futuro“.

Marcelino Oreja, CEO di Enagás, ha dichiarato: “La Spagna è fortemente posizionata per diventare un produttore ed esportatore di idrogeno rinnovabile. La rete del gas spagnola è un’infrastruttura cruciale a lungo termine “.

Il completamento di questo studio aiuterebbe ciascuna delle società a creare un’infrastruttura per l’idrogeno nella regione e contribuirebbe a trarre vantaggio dal redditizio mercato dell’idrogeno.

Si spera che lo studio aiuterà il progetto a diventare uno degli anelli europei chiave nella catena del valore strategica dell’idrogeno, guidata da una crescente domanda di elettricità verde.

Lacq Hydrogen contribuisce alle ambizioni dichiarate della Francia per l’idrogeno: costruire entro il 2030 un settore dell’idrogeno internazionale, sostenibile e senza emissioni di carbonio e quelli dell’Unione Europea: produrre 10 milioni di tonnellate di idrogeno verde entro il 2030 a un prezzo competitivo.

Latest article