giovedì, 1 Dicembre 2022

La società mineraria Fortescue del miliardario Andrew Forrest investe un altro miliardo nelle rinnovabili e nell’ idrogeno verde

Profitti record riportati da Fortescue Metals Group vedrà l’azienda aumentare la spesa per nuovi progetti di energia verde, mentre si prepara ad affrontare gli obiettivi della decarbonizzazione.

La società ha annunciato che destinerà altri 1,03 miliardi di dollari australiani in finanziamenti alla sua sussidiaria per l’energia verde, Fortescue Future Industries, a cui l’azienda attingerà sia per decarbonizzare le proprie attività, sia per investire in nuove tecnologie per la produzione di idrogeno verde e per il suo utilizzo.

In Fortescue, stiamo conducendo la battaglia dell’industria pesante contro il riscaldamento globale, passando dall’essere un importante importatore di combustibili fossili a un importante esportatore di energia e prodotti verdi e rinnovabili“, ha affermato Elizabeth Gaines, CEO di Fortescue.

Stiamo dando l’esempio per ridurre le emissioni in tutte le nostre operazioni, utilizzando la nostra grande piattaforma industriale di siti minerari operativi per testare e dimostrare tecnologie dell’ idrogeno verde completamente rinnovabile, ammoniaca verde ed elettricità verde“.

In un briefing coi media, il presidente e maggior azionista di Fortescue Andrew Forrest – che intascherà circa $ 4 miliardi dai dividendi pagati per l’anno, o $ 11 milioni al giorno – ha anche affermato che la società cercherà di ridurre le emissioni incorporate nei suoi prodotti venduti a clienti.

Fortescue svelerà un suo obiettivo di emissioni il mese prossimo, che richiederà all’azienda di affrontare la sfida sostanziale di ridurre le emissioni incorporate nei suoi prodotti finali. Le attività di produzione dell’ acciaio dell’azienda contribuiscono con quasi 250 milioni di tonnellate all’attuale impronta Scope-3 dell’azienda.

Mentre attuiamo la nostra strategia per diventare un leader globale nella battaglia contro il cambiamento climatico, stabiliremo obiettivi per affrontare le emissioni lungo la nostra catena del valore, con obiettivi specifici e un quadro per il nostro approccio alle emissioni di Scopo 3, che sarà annunciato entro il 30 Settembre 2021“, ha detto Gaines.

Durante il briefing con i media, Forrest ha lanciato una sfida ad altre grandi aziende emittenti ad assumersi le responsabilità per le loro emissioni Scope-3, affermando che i produttori sono la chiave per ottenere riduzioni significative delle emissioni globali.

Entro il 2030 e oltre, vediamo un’azienda di risorse naturali e rinnovabili completamente integrata come la più grande necessità per la comunità globale, con la nostra azienda che stabilisce quel ritmo ed è la prima azienda manifatturiera pesante a dichiarare entro il 2030 che sarà verde“, ha affermato Forrest. “Lo facciamo in un ambiente in cui, finora, non siamo stati seguiti”.

Forrest ha anche lanciato un appello al governo Morrison affinché adotti finalmente un obiettivo formale di emissioni zero, affermando che le imprese avrebbero maggiori probabilità di rispondere alla sfida della decarbonizzazione con un obiettivo specifico in atto.

È un segreto di Pulcinella che Fortescue incoraggi gli obiettivi. Consideriamo un obiettivo nazionale fondamentale per la creazione di un’Australia a emissioni zero“, ha detto Forrest durante il briefing.

Tutte le aziende operano bene per gli obiettivi. Senza obiettivi concreti o ambizioni specifiche, le aziende non tendono ad andare avanti con la velocità e l’efficienza che potrebbero raggiungere“.

Stiamo dicendo con fermezza ai governi di tutte le convinzioni che un obiettivo a emissioni zero per il nostro Paese è fondamentale“.

In una dichiarazione aggiornata sui cambiamenti climatici rilasciata dalla società, Fortescue ha affermato che avrebbe preso di mira quattro parti chiave della propria attività come parte dei suoi sforzi di decarbonizzazione, compreso il passaggio all’alimentazione dei suoi siti con energia rinnovabile e lo spostamento della sua flotta di veicoli – compresi i veicoli pesanti utilizzati nelle operazioni minerarie – ai modelli elettrici o alimentati a idrogeno. Fortescue ha affermato che continuerà a investire nello sviluppo di locomotori alimentati ad ammoniaca e macchinari pesanti alimentati a idrogeno.

Fortescue si è precedentemente impegnata a reinvestire almeno il 10% dei suoi profitti nella sua filiale di energia rinnovabile, Fortescue Future Industries, poiché l’azienda cerca di posizionarsi come uno dei principali fornitori globali di energia a emissioni zero.

Un forte risultato finanziario 2020/21 per l’azienda consentirà quindi alla società di risorse minerarie di aumentare significativamente i suoi investimenti in progetti di energia rinnovabile. Fortescue ha affermato di avere già in programma circa 500 milioni di dollari in nuove spese per progetti di energia pulita, compresa la crescita in corso della sua flotta di veicoli verdilo sviluppo di nuove tecnologie di decarbonizzazione e ulteriori studi per identificare nuove opportunità – simili allo studio di fattibilità del società completata in un potenziale hub di idrogeno rinnovabile in Tasmania.

L’istituzione di Fortescue Future Industries durante l’anno ha sostenuto il nostro obiettivo principale del settore di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2030“, ha affermato Gaines.

Latest article