martedì, 9 Agosto 2022

La ‘Renewable Hydrogen Coalition’ lancia un ‘policy charter’ per produrre idrogeno verde in grandi quantità

La Coalizione sull’idrogeno rinnovabile ha lanciato la sua ‘carta politica’ , raccomandando i passi necessari per promuovere l’idrogeno verde in Europa e per dare al continente un vantaggio nella corsa all’energia sostenibile

5 marzo, 2021

Redazione

Le società di energia verde unite nella “Coalizione dell’idrogeno rinnovabile” hanno formulato questa settimana una serie di raccomandazioni politiche al fine di potenziare un’industria e un’infrastruttura dell’idrogeno verde in Europa e rendere il continente un leader globale nel settore emergente. 

La Coalizione formata lo scorso novembre include pesi massimi del settore come Orsted, Enel, Iberdrola, RWE, Siemens Gamesa, Vestas, Enercon o SMA. Come parte della sua “Carta politica”, afferma che l’idrogeno rinnovabile (prodotto tramite elettrolisi da fonti energetiche rinnovabili) è il collegamento necessario affinché l’Europa possa decarbonizzare completamente la sua economia. 

La Coalizione è stata avviata dalle associazioni di categoria SolarPower Europe e WindEurope ed è supportata anche da Breakthrough Energy, un gruppo fondato dal miliardario statunitense Bill Gates, che mira ad aiutare a scalare le soluzioni di energia pulita. 

Portano una nuova voce imprenditoriale ai dibattiti politici nell’Unione Europea in un momento in cui il potenziale dell’idrogeno rinnovabile per soddisfare le audaci ambizioni climatiche del blocco diventa ogni giorno più chiaro“, ha affermato Ann Mettler, vicepresidente per l’Europa di Breakthrough Energy.

La Coalizione  richiede nuovi regimi di sostegno e adeguamenti fiscali e formula raccomandazioni in tre aree principali:

1. Stabilire mercati guida per l’idrogeno rinnovabile,

2. Espandere l’industria e le infrastrutture dell’idrogeno rinnovabile,

3. Sviluppare un quadro normativo UE abilitante per l’idrogeno rinnovabile.

Per costruire un’economia dell’idrogeno rinnovabile con una catena del valore completa, i governi nazionali e l’UE dovrebbero accelerare l’ elettrificazione basata sulle energie rinnovabili e identificare i settori prioritari (quelli difficili da elettrificare) che costituiranno la maggior parte della domanda futura nell’UE di energie rinnovabili, dell‘ idrogeno e dei combustibili elettronici derivati.

Per una rapida espansione dell’industria dell’idrogeno, la generazione da fonti rinnovabili dovrebbe essere impiegata in modo massiccio, mentre gli investimenti nelle infrastrutture dovrebbero essere razionalizzati, viene raccomandato.

Per l’accelerazione del settore dell’idrogeno la Coalizione  richiede anche l’introduzione di meccanismi di supporto che consentano una diffusione competitiva dell’idrogeno rinnovabile e degli e-fuel derivati ​​in settori difficili da elettrificare. 

Gli schemi dovrebbero includere sovvenzioni in conto capitale e contratti per differenza (CfD) per rendere competitivo l’idrogeno rinnovabile rispetto alle “alternative esistenti” – che probabilmente significa combustibili fossili. Le misure per il decollo del settore dell’idrogeno rinnovabile includono anche l’istituzione di una regolamentazione a livello dell’UE. 

Oltre a ciò, raccomanda  di investire in ricerca e sviluppo, razionalizzando gli investimenti nell’idrogeno per evitare che il denaro vada ad asset bloccati e garantendo parità di condizioni tra i vettori energetici.

La Commissione Europea ha lanciato la sua strategia sull’idrogeno lo scorso anno, dando la priorità all’idrogeno rinnovabile come un modo per decarbonizzare le industrie e le parti dei trasporti che non possono essere elettrificate.

L’idrogeno rinnovabile avrà un ruolo chiave da svolgere in un sistema energetico europeo sostenibile, efficiente e moderno. Offre una grande opportunità per l’Europa per stimolare la ripresa verde, creare posti di lavoro ed essere il leader mondiale nelle tecnologie energetiche pulite “, ha affermato Kadri Simson, Commissario europeo per l’energia.

La Coalizione si è detta pronta a trasformare in realtà le ambizioni della strategia. “Il tempo è essenziale: il 2050 è lontano un solo ciclo di investimenti. Per raggiungere la leadership industriale globale, l’Unione europea deve concentrare tutte le sue risorse politiche e finanziarie su soluzioni ‘a prova di futuro’ “, ha affermato.

Attualmente, oltre il 90% dell’idrogeno viene prodotto utilizzando combustibili fossili. Ma poiché l’UE cerca di ridurre le proprie emissioni di almeno il 55% entro il 2030 e di raggiungere il ‘net zero’  entro il 2050, sarà necessario un idrogeno più pulito per decarbonizzare settori come l’aviazione, il trasporto marittimo e le industrie pesanti.

L’Europa avrà bisogno di molti più parchi eolici per soddisfare la domanda di elettricità rinnovabile. E per realizzare le sue aspirazioni a diventare un leader globale nella tecnologia e nelle soluzioni per l’idrogeno rinnovabile “, ha affermato Giles Dickson, CEO di WindEurope.

Anche il solare avrà bisogno di una scala significativa per raggiungere gli obiettivi della strategia dell’UE sull’idrogeno.

“Il raggiungimento della piena decarbonizzazione dell’Europa richiede l’idrogeno rinnovabile per integrare l’elettrificazione diretta. Per supportare l’idrogeno basato su fonti rinnovabili ad alta intensità di manodopera, dobbiamo vedere reti elettriche dell’UE più forti e procedure di autorizzazione piu’ standardizzate”, ha affermato Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe.

Latest article