giovedì, 1 Dicembre 2022

La ‘Coalizione per l’ Energia del Futuro’ rivela i suoi primi milestone

La coalizione di grandi aziende internazionali unite per accelerare la transizione energetica nei trasporti e nella logistica ha svelato i primi sette passi concreti ed ha accolto tre nuovi membri

23 febbraio, 2021

Sanja Pekic – Offshore Energy

La ‘Coalizione per l’ Energia del Futuro’  è stata lanciata alla fine del 2019 con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo di energie e tecnologie per sostenere nuovi modelli di mobilità verde e per ridurre l’impatto dei trasporti e della logistica sul cambiamento  climatico.

Al fine di ottenere nuove scoperte tecnologiche con risultati tangibili entro il 2030, la Coalizione ha fissato tre obiettivi principali, che includono lo sblocco di un portafoglio più ampio di fonti di energia pulita, la diminuzione del consumo di energia per chilometro equivalente della mobilità delle merci e la riduzione della percentuale di emissioni legate alla trasporti e logistica.

Le undici società che avevano formato questa coalizione internazionale includono AWS, Carrefour, CMA CGM Group, Cluster Maritime Français, Crédit Agricole CIB, ENGIE, Faurecia, Michelin, Schneider Electric, Total e Wärtsilä. Oggi  il numero delle società è cresciuto a 14, da quando Airbus, Bureau Veritas e PSA International hanno aderito nel febbraio 2021.

Le tre nuove società globali sono riconosciute per il loro coinvolgimento nelle innovazioni tecnologiche:

  • Airbus è un riferimento internazionale nel settore aerospaziale e un pioniere dell’aviazione sostenibile;
  • Bureau Veritas è leader mondiale nei test, ispezioni e certificazioni;
  • PSA International è un gruppo portuale globale e partner per le parti interessate del carico.

La coalizione ha annunciato le sue prime pietre miliari che dovranno essere raggiunte nel 2021. I primi sette progetti riguardano:

  1. Idrogeno verde: sfruttare i progetti Carrefour Cathyope e H2Haul per sperimentare in Europa camion a lunga distanza a emissioni zero, alimentati a celle a combustibile a idrogeno, e proporre un portafoglio ordini consolidato per il trasporto di merci sulle strade francesi ed europee entro la fine del primo semestre, al fine di accelerare la disponibilità di idrogeno;
  2. Biocarburanti: proporre e testare il primo ‘bio-greggio’ dedicato alle esigenze marittime, per aumentare l’utilizzo del biocarburante lungo la filiera e sviluppare l’uso di biocarburanti di terza generazione;
  3. GNL ‘Carbon neutral’  tracciare un percorso per bio-LNG verso la carbon neutrality, evidenziando le questioni chiave da affrontare;
  4. Elettricità verde: identificare e convertire lungo la catena di fornitura globale gli elementi chiave (depositi, terminali e magazzini…) in entità verdi autosufficienti per accelerare la conversione elettrica nella catena di trasporto;
  5. Veicoli a emissioni zero per il trasporto stradale, aereo e marittimo: condividere entro la fine del primo trimestre del 2021 una visione comune e una tabella di marcia per sviluppare progetti di ricerca e sviluppo innovativi attorno a nuove energie come l’idrogeno o l’ammoniaca;
  6. Eco-calcolatore digitale della catena di trasporto globale: sviluppare un eco-calcolatore digitale che certifichi l’impatto della CO2 da porta-a-porta su qualsiasi percorso di trasporto e proponga alternative a basse emissioni;
  7. Hub verdi intermodali: proporre un piano aziendale per sostenere la conversione dei porti in nuovi hub multimodali verdi, utilizzando rotte a basso impatto con energia più verde entro la fine del 2021.

La coalizione continua a riunire i principali leader del settore di diversi settori con questi membri aggiuntivi al fine di raggiungere obiettivi di emissioni zero nei trasporti e nella logistica.

Latest article