lunedì, 15 Agosto 2022

IEA: l’autorevolissimo studio illustra la roadmap per raggiungere il ‘net zero’ entro il 2050.

Martedì 18 maggio l’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) ha pubblicato la roadmap verso il ‘net zero’ entro il 2050 in un attesissimo rapporto “Net Zero by 2050: A Roadmap for the Global Energy Sector”: una tabella di marcia per il settore energetico globale.

La IEA rileva che il mondo ha una via percorribile per costruire un settore energetico globale con la diminuzione verso zero delle emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050, ma è limitato e richiede un’azione immediata in tutti i paesi per iniziare una trasformazione senza precedenti del modo in cui l’energia viene prodotta e trasportata e utilizzato in tutto il mondo.

“Net Zero by 2050: A Roadmap for the Global Energy Sector” è il primo studio completo al mondo a delineare una transizione conveniente verso un sistema di energia ‘net zero’, garantendo nel contempo forniture energetiche stabili ed economiche, fornendo accesso universale all’energia e crescita economica. Basandosi sui notevoli strumenti e competenze di modellazione energetica dell’IEA, la Roadmap definisce più di 400 milestone per guidarci in questo viaggio globale.

La nostra tabella di marcia mostra le azioni prioritarie necessarie oggi per garantire che l’opportunità di raggiungere le emissioni ‘net zero’ entro il 2050 – limitata ma ancora realizzabile – non vada persa. La portata e la velocità degli sforzi richiesti da questo obiettivo critico e formidabile – la nostra migliore possibilità di affrontare il cambiamento climatico e limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C – rendono questa forse la sfida più grande che l’umanità abbia mai affrontato “, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo della IEA.Il percorso verso questo futuro più luminoso porta un’impennata storica negli investimenti nell’energia pulita che crea milioni di nuovi posti di lavoro e aumenta la crescita economica globale. Portare il mondo su questo percorso richiede azioni politiche forti e credibili da parte dei governi, sostenute da una cooperazione internazionale molto maggiore “.

Il report è disponibile gratuitamente nella sua interezza sul sito web dell’AIE.

Aspetti chiave e approfondimenti dal rapporto sul percorso ‘net zero’:

Gli impegni per il clima dei governi fino ad oggi – anche se fossero pienamente raggiunti – sono ben al di sotto di quanto richiesto per portare le emissioni globali di anidride carbonica legate all’energia allo zero netto entro il 2050.

• Il percorso IEA richiede l’implementazione immediata e massiccia di tutte le tecnologie energetiche pulite ed efficienti disponibili. Ciò include le aggiunte annuali di solare fotovoltaico fino a raggiungere 630 GW entro il 2030 e quelle di energia eolica che raggiungano 390 GW. Insieme, questo è quattro volte il livello record fissato nel 2020.

  • La maggior parte delle riduzioni globali delle emissioni di CO2 tra oggi e il 2030 nel nostro percorso dello ‘net zero’ proviene da tecnologie già presenti oggi sul mercato. Ma nel 2050, quasi la metà delle riduzioni proviene da tecnologie che attualmente sono solo in fase di dimostrazione o prototipo. Ciò richiede importanti progressi nell’innovazione durante questo decennio.

• L’investimento energetico totale annuo salirà a 5 trilioni di dollari entro il 2030 nel nostro percorso, creando milioni di posti di lavoro nel settore dell’energia pulita e aumentando del 4% il PIL globale nel 2030 rispetto a quanto si raggiungerebbe in base alle tendenze attuali.

• Nel percorso, non sono necessari investimenti in nuovi progetti di fornitura di combustibili fossili, né ulteriori investimenti per nuove centrali a carbone; le vendite di nuove autovetture con motore a combustione interna dovrebbero essere interrotte entro il 2035.

Entro il 2050, la domanda globale di energia sarà dell’8% inferiore a quella odierna, ma serve un’economia due volte più grande e una popolazione con 2 miliardi di persone in più. E quasi il 90% della produzione di elettricità proviene da fonti rinnovabili.

• La sicurezza energetica si evolve verso il ‘net zero’. La flessibilità del sistema elettrico, la sicurezza informatica e l’approvvigionamento affidabile di minerali critici diventano sempre più importanti. Con il calo della domanda globale di petrolio, le forniture si concentrano sempre più in un ristretto numero di produttori a costi piu’ bassi. La quota dell’OPEC nelle forniture mondiali di petrolio, comunque molto ridotte, cresce dal 37% circa negli ultimi anni al 52% nel 2050.

Latest article