lunedì, 15 Agosto 2022

Eni dà mandato a Mediobanca e Goldman Sachs di fornire consulenza sul carveout delle unità delle rinnovabili e di vendita al dettaglio

Si sente che Eni abbia incaricato Mediobanca e Goldman Sachs di fornire consulenza sulle opzioni strategiche per le sue unità di energia rinnovabile e retail. 

Il 30 aprile il CdA della compagnia petrolifera ha approvato un progetto strategico per definire e valutare i piani industriali e finanziari della nuova entità societaria che deriverà dall’unione tra le attività retail e energie rinnovabili. 

Le opzioni in esame vanno da una quotazione alla Borsa di Milano alla vendita di una quota di minoranza nella nuova entità, si sente dire, aggiungendo che il management sta ancora considerando entrambi gli scenari. Tuttavia, la direzione preferirebbe la via dell’IPO piuttosto che una vendita di quote di minoranza delle attività. 

Il valore delle attività al dettaglio e delle energie rinnovabili è stato stimato tra 3 e 5 miliardi di Euro. La società è intenzionata a creare una filiale quotata, ha affermato una di queste fonti, ma ha aggiunto che l’unità delle rinnovabili è relativamente piccola e che Eni potrebbe cercare di farla crescere in anticipo attraverso ulteriori M&A. 

A marzo, avevamo riferito che Eni potrebbe ritagliarsi e separare le sue unità di energie rinnovabili e le attività di vendita al dettaglio. È probabile che la società fonderà queste due attività prima della separazione e che venderà fino al 30% del capitale della nuova entità tramite un’IPO. 

Ad aprile, circolò la notizia che la major energetica stesse anche esplorando una vendita di quote di minoranza dell’unità combinata – che genera un EBITDA di circa 400 milioni di euro – nonché un’IPO. 

Ora sembra che Eni stia perseguendo un duplice processo in parallelo – almeno per ora, durante la fase di valutazione delle opzioni. 

Mediobanca, Goldman Sachs ed Eni non hanno commentato. 

Latest article