lunedì, 15 Agosto 2022

I produttori del gas naturale si contendono le posizioni mentre l’attenzione si sposta sull’idrogeno

L’industria globale del gas naturale è in una corsa esistenziale: o trova un modo per far parte della prossima generazione di energia o rischia di essere soppiantata da alternative – come l’idrogeno.

BP, Sinopec, Equinor e Royal Dutch Shell sono tra i produttori che cercano l’idrogeno per garantire la domanda che altrimenti potrebbe vacillare con l’accelerazione della decarbonizzazione. Vogliono utilizzare i sistemi di condotte esistenti, le cisterne di stoccaggio e la rete di fornitura dei carburanti per produrre idrogeno blu, un processo che utilizza il gas naturale ma cattura le emissioni di carbonio e le immagazzina. 

Il percorso più diretto verso l’azzeramento delle emissioni utilizza l’idrogeno prodotto da elettricità rinnovabile, noto nel settore come idrogeno verde, ma si prevede che la varietà blu sarà più economica almeno fino al 2030, finche’ non aumenterà in modo drastico la produzione di energia elettrica eolica e solare. 

Le aziende di gas naturale che mirano a ridurre le emissioni ora ed evitare l’obsolescenza nel prossimo decennio stanno pianificando di versare miliardi di dollari nella costruzione delle loro attività ‘blu’. Almeno 15 progetti ‘blu’ dovrebbero essere avviati fino al 2027 nel Regno Unito, in Germania, Norvegia, Paesi Bassi, Svezia e Nuova Zelanda. “Il verde è la destinazione, ma ci arriveremo su un’autostrada blu“, ha affermato Al Cook, vicepresidente esecutivo per lo sviluppo e la produzione Equinor a Stavanger.

A un certo punto, l’idrogeno verde potrebbe essere più economico del blu, ma probabilmente non lo sarà per almeno un decennio“. L’idrogeno pulito potrebbe soddisfare un quarto del fabbisogno energetico mondiale entro il 2050, con un fatturato annuo di 630 miliardi di euro

La produzione del blu deve essere aumentata rapidamente, perché i progetti che non saranno costruiti ed avviati entro il 2030 rischiano di diventare non competitivi. In questo momento, l’idrogeno è costoso da produrre senza catturare i gas serra, è difficile da immagazzinare ed è così altamente combustibile che la NASA lo usa per lanciare i razzi nello spazio. Tuttavia, si prevede che la domanda aumenterà di sei volte entro il 2050 man mano che le industrie dei trasporti, dell’acciaio e dei prodotti chimici si muoveranno per ridurre l’inquinamento, ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia nella sua road map per le emissioni nette pubblicata il 18 maggio.

In quasi tutta la produzione dell’idrogeno oggi è utilizzato il gas naturale è. Ciò guadagna il disprezzo degli investitori ESG, dei gruppi ambientalisti e dei governi che cercano di rallentare il cambiamento climatico perché il metodo più comune, chiamato steam refotming del metano, produce anche grandi quantità di anidride carbonica, che viene scaricata nell’aria. Il modo più rapido per rimediare è catturare il carbonio e conservarlo sottoterra o riutilizzarlo. Questo processo esiste da decenni e di solito viene utilizzato negli impianti di gas naturale, nella produzione di fertilizzanti e negli impianti di produzione di etanolo. Il gas naturale è attualmente più economico dell’elettricità rinnovabile, offrendo all’idrogeno blu un vantaggio anche con i costi aggiuntivi di cattura e stoccaggio del carbonio. Il rafforzamento della cattura del carbonio significa che i progetti di idrogeno blu possono essere lanciati su larga scala sin dal primo giorno, ha affermato Paul Bogersvicepresidente per l’idrogeno di Shell. La società con sede nei Paesi Bassi è coinvolta in diversi progetti, tra cui l’Acorn Project del Regno Unito e Net Zero Teesside, entrambi programmati per essere avviati nel 2025. Ma, riguardo alla transizione verso l’idrogeno verde prodotto per elettrolisi,  “non è così semplice come dire: ‘Beh, ecco il crossover, quindi da quel momento investi solo in uno“.

Scambiare il gas naturale con l’idrogeno è un modo in cui le compagnie energetiche potrebbero far progredire i loro sforzi per soddisfare i mandati sempre più severi per la riduzione delle emissioni. Shell si era precedentemente impegnata a ridurre le proprie emissioni di gas serra del 20% entro un decennio, ma il 26 maggio un tribunale dell’Aia ha ordinato alla società di ridurle del 45% nello stesso periodo. 

La Cina è il più grande produttore mondiale di idrogeno, principalmente utilizzando combustibili fossili. Spinta dall’obiettivo della nazione per la neutralità del carbonio entro il 2060, China Petroleum & Chemical Corp., o Sinopec, ha dichiarato che prevede di avere un progetto di cattura del carbonio da 1 milione di tonnellate entro il 2025. La Cina coopererà anche con Saudi Aramco, il più grande produttore mondiale di petrolio, su progetti di idrogeno blu. 

L’urgenza per le aziende del gas naturale deriva dal sostegno quasi universale per l’idrogeno verde, ottenuto da acqua ed elettricità rinnovabile. Si prevede che il costo dell’idrogeno verde diminuirà dell’80% entro il 2030 e sarà più economico del blu in tutti i 28 mercati analizzati da BNEF, come pure lo sarà l’ energia rinnovabile e gli elettrolizzatori che lo utilizzano per far scendere di prezzo dell’idrogeno. 

Iberdrola SA, la più grande utility europea, si sta concentrando sull’energia rinnovabile e sull’idrogeno verde, sostenuta dall’impegno della Spagna a spendere 35 miliardi di euro di stimolo dell’UE per la transizione energetica. Il gigante industriale americano Cummins Inc. ha dichiarato il 24 maggio che collaborerà con Iberdrola per costruire una fabbrica nella Spagna centrale per la produzione di elettrolizzatori. “A breve termine, ci sono opportunità in cui puoi applicare il blu, ma a medio termine – da cinque a 10 anni – sarà una risorsa incagliata“, ha affermato Diego Diaz Pilas, capo delle nuove iniziative di Iberdrola.

Latest article