giovedì, 1 Dicembre 2022

I 5 punti principali del rapporto sul clima del panel IPCC delle Nazioni Unite

Ieri, IPCC – il Gruppo intergovernativo di esperti delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ha presentato il suo ultimo rapporto completo sullo stato della scienza del clima globale, solo il sesto in oltre 30 anni di storia dell’organismo.

Gli oltre 200 autori del rapporto hanno distillato 14.000 articoli per produrre il documento. Anche il cosiddetto “riassunto per i responsabili politici“, un distillato dei risultati chiave del rapporto approvato dalle delegazioni di 195 nazioni, arriva a 42 pagine.

Ecco i cinque punti chiave del rapporto IPCC:

1. L’ultimo decennio è stato più caldo di qualsiasi altro periodo negli ultimi 125.000 anni.

Non solo, ma la CO₂ atmosferica è ora al picco di due milioni di anni. Il consumo di combustibili fossili si è combinato con l’agricoltura per spingere il metano e il protossido di azoto, anch’ egli un gas serra, ai record per almeno gli ultimi 800.000 anni.

Tutti i gas serra hanno innalzato la temperatura media globale di circa 1,1° C al di sopra della media nel fine Ottocento. In effetti, gli esseri umani hanno già scaricato un abbastanza di gas serra nell’atmosfera per riscaldare il pianeta di 1,5°C, uno degli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi, ma l’inquinamento da particelle fini dei combustibili fossili lo sta mascherando fornendo un effetto di raffreddamento.

Si stima che il contributo combinato al riscaldamento globale di fattori naturali, come il sole e i vulcani, sia vicino allo zero.

2. Gli scienziati ora possono collegare eventi meteorologici specifici ai cambiamenti climatici causati dall’uomo.

Non è sempre stato così. Fino a 20 anni fa, ad esempio, era praticamente impossibile attribuire un particolare temporale o un picco di temperatura al riscaldamento del mondo. Ma la professione della scienza del clima ha visto emergere e maturare intere specialità dal precedente mega-rapporto dell’IPCC nel 2013.

Oggi riusciamo ad analizzare eventi meteorologici estremi in tempo reale per determinare quale ruolo sta giocando il cambiamento climatico. L’ondata di caldo mortale che ha colpito la costa occidentale del Nord America a giugno aveva prove rilevabili di responsabilità umana, e quella determinazione è arrivata rapidamente. Il World Weather Attribution, un gruppo di ricerca internazionale, ha avuto bisogno di pochi giorni dopo lo scoppio del caldo per concludere che le temperature straordinarie sarebbero state “praticamente impossibili” senza il cambiamento climatico.

3. Gli scienziati hanno ristretto l’intervallo stimato per il modo in cui le temperature rispondono alle emissioni di gas serra.

Questa è una pietra miliare nel campo della sensibilità climatica che ha richiesto quattro decenni. Attingendo alla ricerca sui climi dei tempi antichi, nonché alla tecnologia satellitare avanzata che monitora le nuvole e le emissioni, i nuovi modelli hanno ridotto le proiezioni della probabile risposta dell’atmosfera alle emissioni industriali. Ciò ha permesso agli autori dell’IPCC di concentrare le loro proiezioni di temperatura per il resto del secolo, dando all’umanità un quadro più chiaro di ciò che potrebbe esserci in serbo se non agiamo rapidamente per ridurre le emissioni.

Si ritiene che la risposta della Terra a un raddoppio teorico dei livelli di CO₂ preindustriali sia compresa tra 2,5 ° C e 4 ° C, un intervallo molto più piccolo di 1,5 ° C e 4,5° C nei precedenti rapporti dell’IPCC. Questi risultati escludono la possibilità che le emissioni illimitate abbiano solo un lieve effetto sulle temperature globali, una speranza a cui pochi osservatori degli eventi degli ultimi mesi potrebbero aggrapparsi. Ma la gamma più ristretta fornisce anche una potente prova del miglior percorso al mondo per la sicurezza: porre fine rapidamente al rilascio di anidride carbonica e altri gas serra.

4. La Terra premia il buon comportamento.

Non appena cesseranno le emissioni, cesserà il riscaldamento e le temperature si stabilizzeranno in un paio di decenni. Ma alcuni effetti, come l’innalzamento del livello del mare, rimarranno irreversibili per secoli. È una gara tra l’evitabile e l’inevitabile, e l’umanità è dietro.

Gli scienziati hanno aperto nuove strade in questo rapporto IPCC proiettando cosa succede quando le nostre emissioni arrivano a zero. Poiché il mondo riduce l’uso di combustibili fossili, ad esempio, l’effetto di raffreddamento degli aerosol inizierà a diminuire. Gli scienziati sono fiduciosi che un modo per contrastare tale declino sarebbe perseguire “riduzioni forti, rapide e sostenute” delle emissioni di metano. Oltre a CO₂, metano e protossido di azoto, ci sono altri quattro gas serra che forniscono anche opportunità per rallentare il riscaldamento.

5. Gli scienziati volontari dell’IPCC costruiscono il consenso con tutti i governi delle Nazioni Unite prima di pubblicare questo rapporto.

A volte è una lotta. Ma il consenso unanime tra le nazioni del mondo, che devono tutte affermare che i risultati sono riassunti accuratamente, è uno strumento molto potente. È ciò che rende l’IPCC l’organismo più autorevole sul riscaldamento globale.

Il nuovo rapporto inizia con una dichiarazione definitiva: “È inequivocabile che l’influenza umana ha riscaldato l’atmosfera, l’oceano e la terra“. Tom Evans, ricercatore di diplomazia climatica presso il think tank E3G, ha espresso in modo succinto l’implicazione: “Nessun governo ha scuse per sottrarsi alla propria responsabilità di agire”.

Latest article