venerdì, 2 Dicembre 2022

Gli Emirati Arabi e il Giappone si alleano per esplorare lo sviluppo dell’economia dell’idrogeno

Il Ministero dell’Energia e delle Infrastrutture degli Emirati Arabi Uniti ha iniziato a collaborare con il Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria giapponese per esplorare le opportunità nel campo dello sviluppo dell’idrogeno

12 Aprile, 2021

La Redazione

Il patto, firmato virtualmente, vedrà i paesi espandere le aree di collaborazione e aumentare gli investimenti nel settore dell’idrogeno, ha riferito l’agenzia di stampa statale Wam. Accelererà la transizione energetica verso un futuro a basse emissioni di carbonio, ha aggiunto.

Tali partnership supportano la direzione dei due paesi verso il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima, oltre a contribuire al passaggio verso un’energia pulita e rinnovabile facendo affidamento sulla produzione di idrogeno, ha affermato Suhail Al Mazrouei, Ministro dell’Energia e delle Infrastrutture degli Emirati Arabi Uniti.

Ha affermato che gli Emirati intendono migliorare le opportunità di investimento nel campo dell’idrogeno, sviluppare nuove tecnologie e ridurre i costi per la produzione di idrogeno verde e blu.

L’accordo mira anche ad aprire ampie prospettive di crescita e sviluppo come parte degli sforzi dei due paesi per diversificare il mix energetico … facendo affidamento sull’energia pulita, costruendo più partenariati e rafforzando la cooperazione“, ha detto Al Mazrouei.

A livello globale, l’industria dell’idrogeno dovrebbe crescere fino a $ 183 miliardi entro il 2023, da $ 129 miliardi nel 2017, secondo Fitch Solutions. La banca d’investimenti francese Natixis stima che gli investimenti nell’idrogeno supereranno i 300 miliardi di dollari entro il 2030.

I paesi esportatori di petrolio del Medio Oriente come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti intendono attingere all’idrogeno e produrre il carburante alternativo pulito per le esportazioni in futuro.

Gli Emirati Arabi Uniti cercano di ridurre l’impronta di carbonio implementando la strategia energetica 2050 che mira a ridurre l’anidride carbonica nel paese del 70% e aumentare l’efficienza dei consumi individuali e istituzionali del 40% entro il 2050.

Puntiamo anche a diversificare il futuro mix energetico e aumentare il contributo dell’energia pulita al mix energetico totale prodotto nel paese al 50%“, ha affermato Al Mazrouei.

Latest article