martedì, 16 Agosto 2022

Expo 2020 – Alstom interessata a sviluppare progetti in Calabria per creare una infrastruttura ferroviaria a idrogeno collegata al porto di Gioia Tauro

In collegamento con il Regional Day della Calabria presso il Padiglione Italia dell’Expo 2020 di Dubai, Michele Viale, Amministratore Delegato di Alstom Ferroviaria, gruppo francese che opera nel settore della progettazione e realizzazione di treni e infrastrutture ferroviarie, è intervenuto riguardo i progetti (a idrogeno e non) in corso di sviluppo in Calabria.

Siamo già presenti in Calabria dove stiamo lavorando per il trasporto regionale e potremmo sviluppare un concetto sinergico con il porto di Gioia Tauro per quanto riguarda l’idrogeno. Ci sono moltissime linee non elettrificate in Calabria, e noi possiamo sicuramente lavorare con la regione, che potrebbe offrire moltissime opportunità da questo punto di vista. Io credo che la produzione di idrogeno in Calabria potrebbe essere una idea molto interessante partendo sia dall’eolico sia dal solare“.

Particolare enfasi è stata data proprio all’ipotesi di unire lo sviluppo di un sistema ferroviario a idrogeno direttamente all’infrastruttura portuale di Gioia Tauro, un’area in cui sono stati lanciati molti investimenti da parte del Pnrr: “Unendo l’interesse che si può avere dal trasporto di passeggeri lungo le tratte regionali non elettrificate, si potrebbe immaginare di avere un utilizzo sinergico di questo tipo di vettore energetico.L’idea di partire da un concetto di trasporto regionale per linee non elettrificate con treni a idrogeno e legandolo come produzione, secondo noi potrebbe essere una interessante evoluzione da considerare nei prossimi mesi e anni, proprio per creare una sinergia molto importante per quanto riguarda il discorso del trasporto ferroviario unito al porto di Gioia Tauro”.

Infine, sui possibili vantaggi ottenuti dal passaggio dai comuni treni a diesel a quelli alimentati a idrogeno, l’AD ha dichiarato: “Un treno diesel su una linea regionale oggi percorre 100 mila chilometri l’anno, e passando all’idrogeno si risparmierebbero circa 700 tonnellate di Co2, pari a 400 auto, quindi già di per sé sarebbe investimento interessante. Se poi pensiamo a un utilizzo del vettore energetico all’interno di un porto per altri tipi di applicazioni, potrebbe essere veramente un’iniziativa da considerare come progettualità nei prossimi mesi e anni“.

Sempre in occasione dell’Expo 2020 di Dubai, il Presidente della Regione Puglia ha recentemente annunciato l’intezione di far diventare Taranto centro di ricerca delle tecnologie per l’idrogeno.

Hydrogen-news Vi invita a HYDROGEN EXPO, la prima mostra-convegno Italiana dedicata interamente al comparto tecnologico per lo sviluppo della filiera dell’Idrogeno. A Piacenza Expo, dal 8 al 10 Giugno 2022.

Latest article