martedì, 9 Agosto 2022

Eni prepara la cessione della quota della controllata Enipower

Eni ha avviato i preparativi per la vendita di una partecipazione nella sua controllata per la produzione dell’energia elettrica dal gas, Enipower

La direzione della società ha recentemente incontrato consulenti che hanno proposto un mandato di vendita laterale, indicando Rothschild come potenziale capofila per il ruolo. È probabile che un’asta inizi in autunno, notando che i teaser dovrebbero essere inviati tra settembre e ottobre.

L’operazione coinvolgerà una quota di minoranza, probabilmente offrendo un interesse fino al 49%.  

Enipower produce energia elettrica e vapore in cinque centrali termoelettriche (Brindisi, Ferrara, Mantova, Ravenna e Ferrera Erbognone) e in un impianto di cogenerazione a Bolgiano. La capacità operativa installata di queste centrali elettriche era di 4,6 GW alla fine del 2020, secondo una presentazione di Eni. 

La transazione sta per decollare mentre anche la società energetica svizzera Axpo cerca di cedere il suo portafoglio in Italia di generazione di energia a ciclo combinato a gas (CCGT). A causa del lancio formale dell’iniziativa a settembre o ottobre, il venditore ha assunto Citi per vendere quest’ attività dalla capacità totale di 760 MW. La valutazione probabilmente sarà dell’ordine di circa € 500 mln. Axpo aveva precedentemente interrotto un tentativo di vendita della stessa attività nel 2016, ma ora ha rilanciato un processo sulla scia del miglioramento del sentiment del mercato per la produzione di energia elettrica dal gas in Italia.

Latest article