martedì, 9 Agosto 2022

La utility gigantesca Uniper si unisce al grande piano per l’idrogeno verde dell’Oman

La utility tedesca Uniper si è unita alla società belga DEME Concessions e all’unità di energia alternativa della compagnia petrolifera nazionale dell’Oman OQ in un ambizioso piano per produrre enormi volumi di idrogeno verde e ammoniaca dagli impianti eolici e solari nel Sultanato arabo. 

Uniper, di proprietà della utility finlandese Fortum, nell’ambito di questo nuovo accordo di cooperazione si pone l’obiettivo di fornire servizi di ingegneria e di negoziare un accordo di offtake esclusivo per l’ammoniaca verde nell’ambito del progetto HYPORT Duqm,  da costruire nella Zona Economica Speciale nel porto del Mar Arabico di Duqm, Oman. 

Dobbiamo estrarre l’idrogeno dal laboratorio e iniziare a usarlo in applicazioni su grande scala e soluzioni industriali commerciabili: dovremmo trasformarlo in un mercato e sfruttare la sua ampia varietà di usi“, ha affermato Niek den Hollander, chief operating officer di Uniper. “Un modo per raggiungere questo obiettivo è importare ammoniaca verde e convertirla in idrogeno, che è qualcosa che stiamo cercando per Wilhelmshaven sulla costa tedesca del Mare del Nord” 

DEME e OQ lo scorso anno avevano già annunciato piani per un impianto di elettrolisi da 250-500 MW per produrre idrogeno verde o derivati ​​come l’ammoniaca verde da centrali eoliche e solari in Oman. Le società hanno ora aggiunto che questa prima struttura – soprannominata HYPORT Duqm Phase 1 – dovrebbe essere operativa nel 2026. 

Attraverso future espansioni in fasi successive, l’Oman prevede di trasformare la zona economica speciale di Duqm in un hub di idrogeno verde per il Sultanato e per la regione circostante, che implica la creazione di una catena del valore completa dell’idrogeno verde, compresa l’installazione di fino a 1,3 GW di capacità eolica e solare. 

La Germania e altri paesi dell’UE prevedono di importare grandi volumi di idrogeno verde o dei suoi derivati, ​​poiché si aspettano che non ci sarà abbastanza spazio fisico in Europa per installare le enormi quantità di energia rinnovabile necessarie per far decollare un’economia dell’idrogeno verde per raggiungere il suo ‘net zero’, come da ambizione entro il 2050. 

HYPORT Duqm dovrebbe connettersi al nuovo terminal di esportazione, all’infrastruttura di stoccaggio e ai moli liquidi del porto di Duqm e utilizzerà il porto come gateway per le esportazioni globali di idrogeno verde o derivati.

Latest article