domenica, 27 Novembre 2022

Il primo catamarano a idrogeno ‘veleggia’ verso un futuro ‘green’

È passato un anno da quando Energy Observer, ritenuto il primo catamarano a idrogeno al mondo, ha iniziato il suo viaggio attraverso i sette mari del pianeta partendo da Saint Malo nel nord della Bretagna, per dimostrare che la decarbonizzazione del settore marittimo è possibile, con solare, eolico, maree e idrogeno.

Il catamarano adornato di pannelli solari è ora ormeggiato nella “mecca” del trasporto elettrico e sede di Tesla, a San Francisco, il suo secondo scalo negli Stati Uniti dopo una sosta di una settimana a Long Beach vicino a San Diego in aprile.

Figlia dell’immaginazione del lupo di mare Victorien Erussard, ufficiale della marina mercantile e concorrente in rinomate gare nautiche, l’obiettivo dell’Energy Observer è ridurre le emissioni di carbonio del trasporto marittimo promuovendo l’uso di energie rinnovabili.

A tal fine, Erussard ha trasformato una vecchia barca da regata costruita sotto la supervisione dello skipper Mike Birch, che vinse il giro del mondo Jules-Verne Trophy nel 1994, in una barca “virtuosa”.

Scegliere la California come destinazione non è stato un caso: la California è l’unico stato americano ad avere una rete di oltre 40 colonnine di ricarica per l’idrogeno, principalmente tra San Diego e San Francisco, e addirittura fino a Lake Tahoe, con l’obiettivo di arrivare a 200 stazioni entro il 2022.

Per noi è particolarmente importante venire qui, per incontrare gli attori dei cambiamenti che stiamo sostenendo: la California ha una politica proattiva di utilizzo delle energie rinnovabili, c’è anche un’autostrada dell’idrogeno, con numerose stazioni lungo la costa“, disse in un’occasione Lorène Blottière, responsabile delle comunicazioni per la barca. 

Ma la barca può anche generare il proprio idrogeno. Coperto liberamente da oltre 200 metri quadrati di pannelli solari, alcuni dei quali sono a doppia faccia per catturare la radiazione dalla luce riflessa dalla superficie del mare, l’Energy Observer è dotato di un sistema di osmosi inversa sviluppato dalla casa automobilistica giapponese Toyota.

Anche se l’idrogeno potrebbe non essere la soluzione più semplice per i veicoli passeggeri, per applicazioni come l’aviazione e il trasporto marittimo ha il vantaggio della leggerezza. Nel caso dell’Energy Observer, il sistema a celle a combustibile riduce il peso complessivo della barca di 14 tonnellate, e quindi il suo consumo energetico.

Il più delle volte, i pannelli solari vengono utilizzati per alimentare tutto a bordo della barca, ma quando la barca è ormeggiata, l’energia in eccesso viene utilizzata per creare idrogeno.

La barca prende l’acqua di mare che purifica e quindi elettrolizza, separando gli elementi dell’acqua in ossigeno e idrogeno puri.

L’idrogeno viene quindi immagazzinato in otto serbatoi di celle a combustibile che possono immagazzinare abbastanza idrogeno per sei giorni.

L’Energy Observer può anche sfruttare le brezze oceaniche per attivare le sue “ali oceaniche” – le ali di propulsione verticale situate sui lati della barca – che fungono da vele ma possono anche generare energia.

In generale, utilizziamo il 40% di energia solare, il 40% di vento e solo il 20% di idrogeno“, ha detto Marin Jarry, il secondo in comando della barca.

Nonostante le credenziali ‘green’, il viaggio quadriennale programmato, iniziato a marzo 2020, non è stato finora privo di sfide. 

Proprio mentre la squadra della barca si preparava a salpare, il Coronavirus ha iniziato a farsi sentire in tutto il mondo. La pandemia ha alterato i piani di navigazione ma non si è trattato di abbandonare la missione Energy Observer lungo il percorso: “Siamo partiti pochi giorni prima dell’inizio del lockdown. Poiché non potevamo più fermarci nei porti che dovevano servire come scalo, la nostra traversata transatlantica si è trasformata in un’odissea di 47 giorni in mare, e tutto questo a vela “, ha detto Jarry.

La prossima tappa dell’Energy Observer saranno le Hawaii, prima di dirigersi verso il Giappone per i Giochi Olimpici. La barca completerà il suo giro del mondo in tre anni, dopo aver visitato una cinquantina di paesi – dove spera di influenzare l’accelerazione della transizione energetica nei trasporti.

Latest article