lunedì, 15 Agosto 2022

Dal Mite, oltre 2 milioni di euro all’Università di Parma per produrre idrogeno in colture di batteri fotosintetici

Il progetto dell’Università di Parma volto a sviluppare un prototipo per la produzione di idrogeno in colture di batteri fotosintetici, ha ricevuto un finanziamento di oltre 2 milioni di euro dal Ministero della Transizione Ecologica.

Il progetto, coordinato da docente del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale – SCVSA, Matteo Tegoni, avrà una durata di 36 mesi e ha come obiettivo finale quello di realizzare un enzima artificiale per la produzione fotocatalitica verde e pulita di idrogeno.

Nello specifico, il team si occuperà dello sviluppo, test in vitro, evoluzione di un enzima fotocatalitico, insegnandogli ad operare secondo nuove funzioni. L’energia luminosa immagazzinata dai batteri durante il processo di fotosintesi, verrà impiegata per la produzione di idrogeno gas.

Collocato tra chimica e biologia, questo progetto vuole dimostrare come attraverso enzimi con siti completamente artificiali sia possibile produrre idrogeno gassoso utilizzando la luce solare e in modo indipendente dalle sorgenti fossili di energia (carbone, petrolio) o energia elettrica.

Grazie al finanziamento ricevuto dal Ministero, l’Università di Parma avrà la possibilità di acquistare nuove attrezzature, aprire nuove posizioni di dottorato, assegni di ricerca e assumere ricercatori a tempo determinato.

Matteo Tegoni, Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale – SCVSA.

Latest article