domenica, 27 Novembre 2022

Da Hyundai a SK, le grandi aziende coreane collaboreranno sull’ idrogeno

Quindici delle aziende più note della Corea del Sud, tra cui Hyundai Motor, SK Group e Posco, hanno lanciato mercoledì un consiglio aziendale per promuovere l’industria nazionale dell’idrogeno e attingere al crescente movimento globale verso la decarbonizzazione.

Il consiglio, chiamato Korea H2 Business Summit, discuterà le sfide che l’industria deve affrontare e offrirà raccomandazioni politiche al governo sudcoreano. I membri investiranno 37,3 miliardi di dollari entro il 2030 per costruire catene di approvvigionamento e altre infrastrutture per l’idrogeno in una vasta gamma di usi, dai veicoli a celle a combustibile alle centrali elettriche.

Il consiglio mira a spianare la strada a un aumento delle esportazioni sudcoreane di infrastrutture legate all’idrogeno mentre i paesi di tutto il mondo inseguono fonti energetiche rispettose dell’ambiente per combattere il cambiamento climatico. Ma coi player giapponesi ed europei che fanno passi da gigante, dovrà promuovere un rapido sviluppo tecnologico per mantenere la Corea del Sud competitiva.

Il roster include player di grandi e medie dimensioni in tutte le linee del settore, tra cui Lotte Group, Hyundai Heavy Industries, Doosan Group, Hyosung, Hanwha Group, GS Group e Kolon Group. Altri cinque, tra cui Samsung C&T, hanno aderito all’iniziativa all’ultimo minuto.

I leader delle aziende associate hanno partecipato a un incontro inaugurale all’H2 Mobility+Energy Show, che ha aperto mercoledì vicino a Seoul. È raro che così tanti conglomerati sudcoreani, o chaebol, e altre grandi società si uniscano in un campo comune.

Riuniremo la competitività di ciascuna azienda per rafforzare la competitività della nostra industria dell’idrogeno nel suo insieme“, ha affermato il presidente di Hyundai Motor Chung Eui-sun.

Creeremo un fondo per promuovere investimenti su grande scala e per far avanzare grandi progetti infrastrutturali e operazioni all’estero che richiedono importi significativi di finanziamenti“, ha affermato il presidente e CEO di SK Chey Tae-won.

Arruolando aziende provenienti da una vasta gamma di ambiti, dall’industria automobilistica all’industria chimica all’industria pesante, l’H2 Business Summit sarà in grado di lanciare molteplici progetti che coinvolgono diversi conglomerati e accelerare gli sforzi di commercializzazione.

Le aziende possono allestire in modo efficiente infrastrutture relative all’idrogeno lavorando insieme per progettare centrali elettriche e produrre serbatoi di stoccaggio. Gli operatori delle stazioni di rifornimento di idrogeno potrebbero condividere i camion per la consegna dell’idrogeno, ad esempio. Ci sono anche piani per i membri di formare consorzi per l’esportazione di infrastrutture.

Molti partecipanti all’H2 Business Summit stanno già lavorando per trasformare l’idrogeno in una fonte di guadagno.

Hyundai, insieme a Toyota Motor, è un produttore leader di veicoli a celle a combustibile e sviluppa anche sistemi di batterie per robot e centrali elettriche. Mira a tagliare i costi per le sue celle a combustibile aumentando le spedizioni e ha annunciato ad agosto che avrebbe costruito due impianti in Corea del Sud per circa 1,3 trilioni di won.

SK sta costruendo la propria catena di approvvigionamento di idrogeno dalla produzione alle stazioni di rifornimento. Il gruppo ora fa molto affidamento sulle operazioni legate al petrolio, come la raffinazione, e sta lavorando per decarbonizzare il proprio portafoglio.

A gennaio, SK ha annunciato un investimento strategico di 1,5 miliardi di dollari nella startup statunitense dell’idrogeno Plug Power per sviluppare il know-how nel settore.

Posco si è ramificata nella produzione di idrogeno vero e proprio, oltre ai materiali in acciaio per le apparecchiature di produzione dell’idrogeno. Lotte Chemical mira a produrre idrogeno utilizzando i suoi impianti chimici esistenti, mentre Doosan Heavy Industries & Construction e Hyundai Heavy progettano impianti di produzione di idrogeno.

Sebbene molte di queste aziende siano concorrenti in determinati campi, hanno deciso di unire le forze attraverso l’H2 Business Summit per garantire che l’industria dell’idrogeno sudcoreana possa competere a livello globale il più rapidamente possibile.

Si stima che il mercato globale dell’idrogeno e delle relative apparecchiature raggiungerà i 2,5 trilioni di dollari entro il 2050, con i paesi anche del Medio Oriente che costruiscono le proprie infrastrutture. Costruire know-how in patria consentirebbe ai giocatori sudcoreani di sfruttare meglio la domanda estera.

Molte aziende sudcoreane affrontano anche la crescente concorrenza cinese nelle loro specialità, come la costruzione navale, la produzione di acciaio e la petrolchimica. I ricavi vacillanti in tali aree stanno spingendo le aziende a cercare nuove opportunità.

Con la Corea del Sud relativamente in ritardo sul gioco, la cooperazione con altri paesi sarà essenziale affinché la nuova iniziativa ottenga risultati rapidi. 

Latest article