domenica, 7 Agosto 2022

Col piano ‘Vision 2040’ la Hyundai scommette alla grande sull’idrogeno

La società di mobilità prevede di trasferire tutti i nuovi veicoli commerciali alla tecnologia delle celle a combustibile entro il 2028 e di portare l’idrogeno a tutti e ovunque entro il 2040.

Hyundai Motor Group ha appena scommesso sull’idrogeno come carburante a emissioni zero del futuro, annunciando la sua tabella di marcia ‘Hydrogen Vision 2040’, una nuova generazione di tecnologie per celle a combustibile e alcuni concetti molto fuori dagli schemi di alimentazione a idrogeno.

Considerando le applicazioni commerciali come il miglior punto di partenza, HMG ha anche annunciato l’intenzione di diventare la prima casa automobilistica ad applicare la tecnologia delle celle a combustibile a tutti i suoi modelli di veicoli commerciali entro il 2028.

Hydrogen Vision 2040 è un piano apparentemente semplice. Hyundai Motor Group vede l’idrogeno come la migliore e più flessibile fonte di carburante rinnovabile per spostare la società in un futuro a emissioni zero e prevede di rendere popolare l’idrogeno per “Tutti, tutto e ovunque” entro il 2040. Ciò significa nuove tecnologie di celle a combustibile a idrogeno, un mano più pesante nella produzione e nelle infrastrutture dell’idrogeno e una nuova ondata di prodotti a base di idrogeno.

Alcuni di questi prodotti saranno autovetture, ma oggi Hyundai si considera prima un’azienda di mobilità e poi una casa automobilistica, quindi esplorerà anche nuove applicazioni nei trasporti e nei trasporti commerciali, nei servizi di emergenza, nelle case e negli edifici commerciali e nella robotica. Il piano include anche lo sviluppo dell’idrogeno come parte del più ampio ecosistema di generazione e stoccaggio di energia rinnovabile.

Ad alimentare il suo ritrovato zelo per l’energia a idrogeno è la tecnologia stack di celle a combustibile di terza generazione recentemente annunciata da HMG. Ancora in fase di sviluppo, i nuovi stack dovrebbero arrivare entro il 2023, quando sostituiranno l’attuale tecnologia a celle a combustibile basata su Nexo di Hyundai.

Queste nuove celle a combustibile dovrebbero essere più durevoli di prima con un obiettivo di vita utile stimato fino a 500.000 chilometri di funzionamento (da circa 160.000 km per la seconda generazione).

Hyundai prevede inoltre che la tecnologia di terza generazione alla fine costerà circa il 50% in meno rispetto alla tecnologia delle celle a combustibile di ultima generazione, il che, insieme a una crescente economia di scala, è un grande passo avanti verso il suo obiettivo di offrire veicoli elettrici a celle a combustibile a un prezzo paragonabile a quello delle batterie elettriche. entro il 2030.

Forse il trucco più accurato del sistema di terza generazione è la sua modularità. È possibile impilare più unità per creare moduli di unità di alimentazione che offrono fino a un megawatt di potenza, che secondo Hyundai sarà “ideale per i sistemi di alimentazione di emergenza per grandi navi o aziende IT“. C’è anche una nuova configurazione di sistema “completamente piatta” che riduce l’altezza della pila a poco meno di 10 pollici, consentendo l’installazione sotto il pavimento o nel soffitto di autobus, tram o altre applicazioni a basso profilo.

Con la nuova cella a combustibile in prima linea, la fase successiva del piano di Hyundai è l’elettrificazione della sua flotta commerciale con l’obiettivo di tutti i nuovi veicoli commerciali HMG – autobus, camion pesanti e veicoli commerciali appositamente costruiti – con l’applicazione di propulsori elettrici a celle a combustibile entro il 2028.

Albert Biermann, capo della divisione R&D di Hyundai Motors e Kia, ha chiarito che ciò non significa che la casa automobilistica stia eliminando gradualmente i suoi motori commerciali a combustione interna, che continuerà a offrire oltre l’obiettivo del 2028. Tuttavia, tutte le introduzioni di nuovi modelli e lo sviluppo tecnologico in futuro includeranno l’applicazione della tecnologia dell’idrogeno o della batteria elettrica.

Latest article