domenica, 4 Dicembre 2022

Gazprom e Rosatom annunciano il progetto di idrogeno blu per Sakhalin

Il quasi-monopolista statale russo del gas Gazprom e il conglomerato nucleare del paese Rosatom hanno deciso di unire le forze per indagare sul potenziale di un progetto di idrogeno blu sull’isola di Sakhalin.

La capacità annuale, l’ubicazione, la fonte di gas naturale e un programma per l’iniziativa saranno determinati durante consultazioni congiunte, hanno affermato le società.

Attualmente, entrambe le società hanno concordato che produrranno idrogeno dal gas naturale, che sarà consegnato da Gazprom, con l’obiettivo di catturare e immagazzinare l’anidride carbonica in eccesso per consentire al duo di commercializzare l’idrogeno a livello globale.

Le autorità russe hanno designato l’isola di Sakhalin come la prima regione del paese a tentare di raggiungere la neutralità carbonica entro il 2025. L’isola non ha industrie importanti, a parte la pesca e la produzione ed esportazione di petrolio e gas onshore e offshore, dove gli attori chiave sono ExxonMobil degli Stati Uniti e Gazprom con i suoi progetti offshore Sakhalin 1 e Sakhalin 2.

Mentre Gazprom è pronta a fornire gas all’impresa menzionata, si prevede che Rosatom si adopererà per diventare un importante appaltatore e fornitore di tecnologia per la JV dopo la sua decisione del 2018 di investire in iniziative sull’idrogeno in Russia.

Latest article