sabato, 31 Luglio 2021

Airbus scommette coraggiosamente sull’ idrogeno

Airbus ha annunciato di aver aperto due nuovi centri di sviluppo a emissioni zero per facilitare l’accelerazione lo sviluppo dell’aviazione a idrogeno.

Per accelerare l’introduzione del suo concetto di aeromobili ZEROe alimentati a idrogeno a zero emissioni, Airbus sta lanciando due ‘Centri di sviluppo a emissioni zero’ (ZEDC) dedicati, in Francia e Germania. I centri svilupperanno e assembleranno serbatoi per l’idrogeno liquido. Dovrebbero essere pienamente operativi entro il 2023, con un primo volo di prova previsto per il 2025.

Uno ZEDC sarà presso le strutture di Airbus a Nantes, in Francia. L’altro deve essere situato a Brema, in Germania.

Infatti, quando Airbus aveva rivelato la sua visione per il volo a emissioni zero nel settembre dello scorso anno, tutti e tre i velivoli concept ZEROe erano alimentati a idrogeno. Le tre diverse versioni degli aerei avevano esplorato ciascuna un diverso approccio aerodinamico e diversi layout della cabina e le opzioni per lo stoccaggio dell’idrogeno a bordo.

Per facilitare il rapido sviluppo di queste tecnologie di propulsione a idrogeno, Airbus ha deciso ora di lanciare un progetto complementare. Questo si concentrerà sulla progettazione e l’integrazione dei serbatoi di idrogeno.

Lunedì Airbus ha condiviso quanto segue in una dichiarazione: “L’obiettivo degli ZEDC è raggiungere una produzione di serbatoi criogenici a costi competitivi per supportare il futuro lancio sul mercato di ZEROe e accelerare lo sviluppo delle tecnologie di propulsione a idrogeno. La progettazione e l’integrazione delle strutture dei serbatoi è fondamentale per le prestazioni di un futuro aereo a idrogeno“.

Airbus ha scelto i siti per i centri grazie alla loro esperienza nell’idrogeno e nei serbatoi critici per la sicurezza.

Airbus ha inoltre affermato che gli sviluppi tecnologici nei siti includeranno tutto, il prodotto completo. Ciò significa parti elementari, assemblaggio, integrazione dei sistemi e test criogenici finali del sistema a idrogeno liquido (LH2).

Il sito di Brema è stato scelto per la sua vasta esperienza con l’idrogeno liquido per il ramo Difesa e Spazio di Airbus. Nel frattempo, il produttore di aerei ha scelto di localizzare il suo secondo ZEDC a Nantes grazie alla sua esperienza nella strutturazione metallica relativa alla scatola dell’ala centrale, in particolare al serbatoio centrale critico per la sicurezza degli aerei commerciali di Airbus.

Airbus dovrà dimostrare senza ombra di dubbio che sarà sicuro alimentare gli aerei con l’idrogeno.

Una delle maggiori sfide con la transizione all’idrogeno è come immagazzinare il gas. Anche se l’idrogeno ha una densità di energia per unità che è tre volte maggiore del carburante convenzionale, immagazzinarlo come gas compresso presenta enormi sfide legate al peso e al volume. Da qui l’attenzione all’idrogeno liquido, o LH2, come l’opzione più promettente.

Oltre allo stoccaggio, convincere il mondo della sicurezza del volo alimentato a idrogeno potrebbe essere uno dei compiti più grandi per gli aspiranti pionieri dell’LH2. Per esempio, il CEO di Qatar Airways, Akbar Al Baker, è tra gli scettici e chiede invece investimenti in altre tecnologie.

Per gran parte del pubblico più ampio, quando l’aereo e l’idrogeno sono menzionati nella stessa frase, evoca inequivocabilmente immagini dell’Hindenburg che si schianta in modo spettacolare, avvolto in un mare di fiamme. Mentre la tecnologia di oggi è ben lontana da quella dei dirigibili dell’inizio del XX secolo, la percezione e il pregiudizio del pubblico non sono così facilmente influenzabili.

Latest article