martedì, 29 Novembre 2022

Uniper cancella il progetto GNL a Wilhelmshaven in favore dell’idrogeno

La società energetica tedesca Uniper ha deciso di approfondire il potenziale dello sviluppo di un hub di idrogeno a Wilhelmshaven invece del previsto terminal di importazione di GNL

16 Aprile, 2021

La Redazione

Con il nome Green Wilhelmshaven, Uniper sta lavorando a uno studio di fattibilità per lo sviluppo di un hub nazionale dell’idrogeno. Da notare che qualche giorno fa la stessa società tedesca aveva annunciato lo studio di una centrale elettrica a idrogeno.

È previsto un terminale di importazione per l’ammoniaca verde, ha affermato Uniper nella sua dichiarazione.

Si prevede che il terminale sarà dotato di un “cracker di ammoniaca” per la produzione di idrogeno verde e sarà inoltre collegato alla prevista rete di idrogeno.

È inoltre previsto un impianto di elettrolisi da 410 MW che, in combinazione con il terminale di importazione, sarebbe in grado di fornire circa 295.000 tonnellate di idrogeno, ovvero il 10 per cento della domanda prevista per l’intera Germania nel 2030.

L’idrogeno generato sarà utilizzato principalmente per rifornire l’industria locale, ma sarà anche possibile immetterlo nella rete nazionale dell’idrogeno.

Questo approccio aiuterà a risolvere uno dei problemi chiave della transizione energetica: la sicurezza dell’approvvigionamento. L’impianto di scissione NH3 per la produzione di idrogeno verde sarebbe il primo impianto in scala del suo genere.

Inizialmente, Uniper aveva esplorato l’idea di costruire un terminale di importazione galleggiante per il gas naturale liquefatto (GNL) nel sito di Wilhelmshaven. Nell’ottobre 2020, un test di mercato per dimostrare un interesse vincolante ha dimostrato che attualmente non c’è abbastanza interesse in Germania nel settore del GNL per prenotare grandi capacità a lungo termine per la rigassificazione.

Commentando la decisione, David Bryson, COO Uniper, ha dichiarato: “È essenziale che la Germania e l’Europa rimangano leader industriali forti: se vogliamo raggiungere questo obiettivo e continuare a sviluppare i nostri ambiziosi obiettivi di protezione del clima, abbiamo bisogno dell’idrogeno per alimentare settori come la produzione di acciai, l’industria chimica o nel settore del trasporto merci, marittimo e aereo. ” 

In altre parole, Bryson ha osservato che sono necessarie “molecole verdi” e “elettroni verdi“.

Dobbiamo tirar fuori l’idrogeno dal laboratorio e iniziare a usarlo in applicazioni su larga scala e in soluzioni industriali economiche: dovremmo trasformarlo in una merce e sfruttarne l’ampia varietà di usi“, ha affermato.

Ha aggiunto che un modo per raggiungere questo obiettivo è importare ammoniaca verde e convertirla in idrogeno, che è qualcosa che l’azienda sta cercando di fare a Wilhelmshaven.

Attualmente, la Germania prevede di generare 14 TWh di idrogeno verde nel 2030, ma si prevede che la domanda per quell’anno sarà di 90-100 TWh – la discrepanza tra queste due cifre è abbondantemente chiara. Dipenderemo fortemente dalle importazioni se vogliamo utilizzare l’idrogeno per aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi climatici “, ha affermato Bryson

Latest article