sabato, 26 Novembre 2022

Il gigante energetico RWE importerà idrogeno verde dall’ Australia

Il developer del progetto idrogeno australiano The Hydrogen Utility (H2U) e la RWE svilupperanno un sistema per trasportare in Europa l’idrogeno verde prodotto in Australia 

19 Aprile 2021

La Redazione

Il developer australiano The Hydrogen Utility (H2U) e il gigante energetico tedesco RWE svilupperanno un sistema di fornitura di idrogeno verde dall’ Australia in Germania e in Europa.

RWE spera che il previsto terminal di importazione del GNL a Brunsbüttel, dove RWE intende prenotare la capacità, possa essere il luogo ideale per la futura importazione di idrogeno verde in Germania.

H2 è la soluzione perfetta a lungo termine per decarbonizzare l’industria, l’aviazione e il trasporto di merci pesanti“, ha affermato Javier Moret, Global Head of LNG presso RWE Supply & Trading.  “L’Australia è uno dei paesi che ha condizioni eccellenti per produrre l’ idrogeno verde: bassi costi di produzione e una situazione complessiva stabile. Come commerciante globale di materie prime, abbiamo molta esperienza con i vettori energetici per i trasporti in tutto il mondo, incluso il GNL australiano, e ci consideriamo un facilitatore per il commercio globale di idrogeno. “

H2U sta attualmente sviluppando diversi progetti a idrogeno in Australia e in Nuova Zelanda, incluso il progetto Eyre Peninsula Gateway nel South Australia, dove sta attualmente lavorando al suo impianto dimostrativo da 75 MW. Sta anche esaminando il progetto H2-Hub Gladstone nel Queensland, un complesso di produzione di idrogeno e ammoniaca verde su scala industriale che dovrebbe integrare fino a otto treni di processo su scala industriale.

H2U è lieta di collaborare con RWE per esplorare le possibilità di fornire idrogeno verde a prezzi accessibili e derivati ​​dell’idrogeno come l’ammoniaca e il metano sintetico per alimentare il futuro della Germania e dell’Europa“, ha affermato il dottor Attilio Pigneri, CEO di H2U. “Vediamo il commercio di idrogeno verde in un’Europa completamente decarbonizzata utilizzando l’ammoniaca verde come carburante per le i trasporti”.

Il progetto previsto Eyre Peninsula Gateway includerà un impianto di elettrolisi da 75 MW in grado di produrre circa 10.000 tonnellate di idrogeno verde e 40.000 tonnellate di ammoniaca all’anno. La seconda fase del progetto, un’espansione che si spera abbia luogo durante gli anni 2020, potrebbe vedere il progetto espandersi per includere un elettrolizzatore da 1,5 GW.

Situato nella regione Cultana / Port Bonython della penisola di Eyre, nell’Australia meridionale, il progetto Eyre Peninsula Gateway dimostrerebbe ulteriormente il valore di Port Bonython come hub ideale per l’esportazione di idrogeno verde.

Il governo della South Australia ha già stanziato 38 milioni di dollari di finanziamenti per potenziare gli impianti di esportazione di liquidi sfusi da Port Bonython, nel tentativo di preparare la futura esportazione di idrogeno verde e ammoniaca.

L’ambizione del South Australia di produrre, consumare ed esportare idrogeno verde sta attirando l’attenzione globale e ha un grande potenziale per creare posti di lavoro e sostenere investimenti a lungo termine“, ha affermato il premier dello stato di South Australia Steven Marshall. “La nostra intenzione di generare una produzione netta di energia rinnovabile al 100% entro il 2030 produrrà dell’idrogeno verde più convenientie al mondo“.

Il South Australia ha grandi ambizioni per l’idrogeno, poiché miriamo a essere un esportatore nazionale e internazionale di energia pulita, e questo progetto significativo a livello internazionale nella penisola di Eyre vedrà il nostro stato assumere un ruolo guida nello sviluppo di idrogeno pulito e verde“.

Latest article