martedì, 9 Agosto 2022

Thyssenkrupp potenzia la linea di produzione degli elettrolizzatori d’ idrogeno a 5 GW – insieme a De Nora

La tedesca Thyssenkrupp prevede di aumentare la sua capacità di produzione annuale di elettrolizzatori a un enorme 5GW dall’ attuale 1GW

Il conglomerato industriale ha anche affermato di essere coinvolto in tutti e tre i progetti principali sull’idrogeno che stanno ottenendo il sostegno del ministero dell’istruzione e della ricerca tedesco (BMBF). 

Sta testando la produzione, l’uso e l’integrazione dei sistemi su scala industriale dell’idrogeno verde. Il governo tedesco sosterrà il primo dei tre progetti di punta dell’idrogeno, H2Giga, con 8,5 milioni di euro di sussidi per la ricerca e lo sviluppo della produzione su larga scala di elettrolisi dell’acqua alcalina. 

Attraverso il progetto Thyssenkrupp mira a sfruttare gli effetti di economie di grande scala e quindi a ridurre i costi di produzione, nonché ad espandere la sua catena di fornitura esistente di 1 GW di celle di elettrolisi per consentire volumi di progetto più grandi di diversi Gigawatt all’anno. 

Il conglomerato industriale offre attualmente moduli elettrolizzatori standardizzati da 20 MW, che consentono lavori di manutenzione selettiva sulle singole celle invece di dover sostituire l’intero stack. 

Al fine di sviluppare la prossima generazione tecnologica di elettrolisi alcalina, Thyssenkrupp ha affermato che sta svolgendo un lavoro di sviluppo di pile completamente nuovo. L’azienda sta inoltre cercando di implementare i processi di ottimizzazione della catena di approvvigionamento necessari per la produzione in serie, compreso l’uso della robotica e dell’automazione nella produzione e nell’assemblaggio. 

Essenziale per il passaggio alla produzione in serie è la sua JV con l’elettrochimica e il produttore di celle De Nora e altri partner come l’azienda di lavorazione dei metalli Hoedtke. 

Thyssenkrupp riceverà anche un finanziamento per il suo contributo al progetto faro H2Mare volto a sviluppare la produzione di idrogeno e prodotti a valle come combustibili sintetici, metanolo, ammoniaca e metano sintetico direttamente in mare. La società ha affermato che svilupperà i fondamenti del progetto fino alla fase di ingegneria. Siemens Energy, che coordina il progetto, ad agosto aveva già detto che H2Mare sarebbe stato sostenuto da 100 milioni di euro dal governo tedesco. 

Thyssenkrupp ha affermato di poter offrire varie catene di valore verdi integrate basate sulla sua tecnologia di elettrolisi dell’acqua, compresi i processi per la produzione di ammoniaca verde, metanolo e gas naturale sintetico. 

Il terzo progetto di punta in cui l’azienda è coinvolta è il progetto TransHyDE che esamina il potenziale del processo di cracking dell’ammoniaca. Sulle lunghe distanze, il trasporto dell’ammoniaca come vettore di idrogeno è più redditizio.

Latest article