lunedì, 15 Agosto 2022

Sinopec cambierà marcia, dall’ idrogeno grigio a quello verde

La seconda più grande società energetica cinese chiede maggiori sforzi per sviluppare l’idrogeno verde del paese

16 marzo, 2021

La Redazione

La seconda più grande società energetica cinese, Sinopec, chiede maggiori sforzi per sviluppare l’idrogeno verde del paese, che è prodotto da progetti di energia rinnovabile. Il presidente di Sinopec Ma Yongsheng ha affermato che la Cina dovrebbe accelerare lo sviluppo di un sistema di produzione di idrogeno verde, pur continuando a fare buon uso dell’idrogeno grigio prodotto nelle raffinerie come raffinazione da Prodotto. “Dobbiamo aumentare continuamente la percentuale di idrogeno verde nello sviluppo dell’idrogeno“, ha detto.

L’appello di Ma è stato ripreso dal mondo accademico. Li Chan, accademico della China Academy of Science, chiede anche che la transizione energetica della Cina si concentri maggiormente sullo sviluppo dell’idrogeno verde attraverso l’elettrolisi da risorse rinnovabili. Da un lato, ha affermato, l’idrogeno verde prodotto dall’elettrolisi può essere utilizzato come combustibile per le celle a combustibile, ma può anche essere miscelato con anidride carbonica per produrre metanolo come combustibile liquido, che può essere convertito in idrogeno.

Du Wanxiang, accademico dell’Accademia cinese di ingegneria, ha affermato che l’idrogeno verde prodotto da fonti rinnovabili dovrebbe essere la pietra angolare per la transizione energetica della Cina perché crea zero emissioni, mentre la produzione di idrogeno da combustibili fossili come carbone e idrocarburi produce emissioni notevoli. 

Sinopec ora guida lo sviluppo del progetto sull’idrogeno in Cina, ma per ora fa affidamento principalmente sull’ idrogeno generato come sottoprodotto dalle sue massicce unità di raffinazione. L’anno scorso l’azienda ha prodotto 350 tonnellate di idrogeno grigio da unità di raffineria, che rappresentano il 14% del totale nazionale. La società sta costruendo unità di reforming e cracking della nafta per elaborare l’idrogeno grigio nel suo complesso petrolchimico di Yanshan a Pechino con una capacità di produzione di 2000 metri cubi all’ora di idrogeno gassoso non compresso. È destinato ai veicoli a celle a combustibile a idrogeno che saranno messi in servizio durante i Giochi Olimpici del 2022. 

L’azienda sta spingendo il passaggio dalla produzione di idrogeno grigio all’idrogeno blu, che è ottenuto dal gas naturale con la maggior parte dell’anidride carbonica catturata e immagazzinata, e all’idrogeno verde. È pronta a collaborare coi developercinesi di energia rinnovabile, tra cui GCL, sullo sviluppo dell’idrogeno verde. Sinopec ha firmato una lettera di intenti con Enze Haihe Fund e Cummins, che è il principale fornitore cinese di soluzioni per turbine elettriche, per lavorare su progetti che coinvolgono la produzione di idrogeno tramite elettrolisi.

Il primo sistema cinese di produzione di idrogeno tramite elettrolisi attraverso un parco eolico onshore è in fase di completamento nella provincia di Hebei. L’energia così prodotta aiuterà ad alimentare le Olimpiadi invernali di Pechino 2022. Il progetto ha un elettrolizzatore da 10 MW alimentato da un parco eolico da 200 MW. Una volta completato, il progetto sarà in grado di produrre 17,52 mln di metri cubi all’ anno di idrogeno. Gli impianti di produzione potrebbero essere collegati direttamente a forme di produzione di elettricità rinnovabile senza emissioni di gas serra. 

Ma, che è anche un membro del CPPCC, ha affermato che poiché lo scorso anno i combustibili fossili rappresentavano l’84,3% del mix di consumo totale, la Cina dovrebbe lavorare sodo per rendere l’energia rinnovabile la spina dorsale dell’approvvigionamento energetico cinese nel tentativo di raggiungere il picco di emissioni di carbonio nel 2030 e la neutralità del carbonio nel 2060. In tal modo, la Cina dovrebbe massimizzare l’applicazione della tecnologia per ridurre l’inquinamento atmosferico dal carbone e cercare di convertire i combustibili fossili in sostanze chimiche come materia prima per fertilizzanti, riducendo il loro uso come combustibili per i trasporti.

La Cina è già il primo produttore mondiale di idrogeno, con una produzione lo scorso anno che ha raggiunto i 294 miliardi di metri cubi, la maggior parte dei quali è idrogeno grigio prodotto da unità di reforming e cracking della nafta o sottoprodotti della raffineria di gas, secondo Ding Zhiminl’ex vicedirettore di Policy & Dipartimento di Giurisprudenza dell’Amministrazione Nazionale dell’Energia.

Latest article