lunedì, 15 Agosto 2022

Shell propone un grande impianto CCS in Alberta, Canada

Shell ha annunciato una proposta per realizzare un progetto su grande scala per la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS) nel suo Scotford Complex vicino a Edmonton, Alberta, Canada. Questo sarebbe un passo fondamentale nella trasformazione di Scotford in uno dei cinque parchi energetici e chimici di ‘nuova generazione’ per Shell in tutto il mondo, fornendo ai clienti combustibili e prodotti a basse emissioni di carbonio per il futuro, come l’idrogeno.

Il progetto proposto Polaris CCS, il più grande di una serie di opportunità a basse emissioni di carbonio che Shell sta esplorando a Scotford, catturerebbe l’anidride carbonica (CO2) dalla raffineria di Scotford e dall’impianto chimico di proprietà della Shell. La fase iniziale dovrebbe iniziare intorno alla metà del decennio, soggetta a una decisione di investimento finale da parte di Shell prevista nel 2023. Polaris avrebbe una capacità di stoccaggio di circa 300 milioni di tonnellate di CO2 durante la vita del progetto.

Shell sta compiendo passi coraggiosi per decarbonizzare le nostre operazioni e il settore in generale, e il progetto Polaris CCS è l’ultimo esempio“, ha affermato Susannah Pierce, Presidente di Shell Canada. “I nostri piani per Scotford sono in linea con l’obiettivo di Shell di diventare un’azienda energetica a emissioni zero entro il 2050, al passo con la società. Stiamo creando un sito di livello mondiale che fornirà ai clienti combustibili, prodotti e stoccaggio di CO2 a basse emissioni di carbonio. Polaris darebbe anche un contributo significativo all’obiettivo di Shell di avere accesso a ulteriori 25 milioni di tonnellate all’anno di capacità CCS entro il 2035».

Il progetto Polaris CCS segue il successo dell’impianto Quest CCS di Scotford, che ha catturato e immagazzinato in sicurezza più di sei milioni di tonnellate di CO2 nei suoi sei anni di attività. Recentemente, Shellha anche preso una decisione di investimento finale sul progetto Northern Lights CCS in Norvegia e fa parte del progetto Porthos CCS nei Paesi Bassi.

Il nostro governo è impegnato a sviluppare la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (CCUS) per aiutare a ridurre le emissioni e capitalizzare le opportunità economiche emergenti”, ha affermato Sonya Savage, Ministro dell’Energia dell’Alberta. “Progetti come Polaris CCS di Shell mostrano che l’Alberta è aperta agli affari e la nostra industria petrolifera e del gas sembra fiduciosa di essere un attore globale in un futuro a basse emissioni di carbonio”.

La fase iniziale del progetto Polaris CCS catturerebbe e immagazzinerebbe circa 750.000 tonnellate all’anno di CO2 dalla raffineria di Scotford e dall’impianto chimico. Ridurrebbe le emissioni dirette e indirette di Shell (Scope 1 e 2) fino al 40% dalla raffineria e fino al 30% dall’impianto chimico. Creerebbe anche fino a 2.000 posti di lavoro.

La seconda fase del progetto Polaris CCS prevede la creazione di un hub di stoccaggio di CO2 in Alberta, l’ulteriore decarbonizzazione delle strutture di Shell e lo stoccaggio delle emissioni per conto di fonti industriali di terze parti come operatore di stoccaggio di CO2 affidabile e affidabile. Completamente costruito e subordinato all’acquisizione di contratti di locazione di spazi porosi dalla provincia dell’Alberta, Polaris potrebbe fungere da hub di stoccaggio di CO2 per oltre 10 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno.

Una volta completamente costruita, Polaris avrebbe contribuito a far diventare la regione di Edmonton il primo hub di idrogeno del Canada. Nella fase iniziale di Polaris, la CO2 catturata dagli impianti di idrogeno della raffineria permetterebbe la produzione di idrogeno blu da utilizzare nel processo di raffinazione, con il potenziale per la produzione di idrogeno blu su grande  scala nelle fasi future. Shell sta anche esplorando lo sviluppo di ulteriori volumi di idrogeno blu e verde a Scotford che sfruttano l’abbondanza di gas naturale dell’Alberta e la disponibilità di fonti di energia rinnovabili.

La trasformazione di Scotford in un parco energetico e chimico di tipo nuovo per Shell si basa sulle posizioni di primo piano del sito nell’efficienza energetica, includendo al contempo le fonti rinnovabili di energia e le materie prime biologiche. La CCS e l’energia rinnovabile consentiranno a Scotford di elaborare nuove materie prime come bio-oli o oli usati per ridurre significativamente la CO2 emessa nella produzione dei combustibili di oggi. 

Si prevede che la transizione di Scotford in un parco energetico e chimico completamente integrato avverrà in questo decennio.

Latest article