mercoledì, 17 Agosto 2022

Shell illustra la strategia per accelerare verso ‘net zero’

La società petrolifera Shell ha illustrato  la sua strategia per accelerare la trasformazione aziendale in un fornitore di prodotti e servizi energetici a emissioni ‘net zero’, alimentato dalla crescita delle sue attività rivolte direttamente ai clienti

Shell aveva rivelato nell’aprile 2020 i suoi piani per diventare un’azienda energetica a zero emissioni entro il 2050 o prima.

In un aggiornamento, Shell ha affermato che un quadro disciplinato di allocazione della liquidità e un approccio rigoroso per ridurre le emissioni di carbonio forniranno maggior valore agli azionisti, ai clienti e alla società in generale.

Shell ha anche confermato la sua aspettativa che le emissioni totali di carbonio per l’azienda abbiano raggiunto il picco nel 2018 e la produzione di petrolio abbia raggiunto il picco nel 2019.

La nostra strategia accelerata ridurrà le emissioni di carbonio e fornirà valore ai nostri azionisti, ai nostri clienti e alla società in generale“, ha affermato Ben van Beurden, CEO di Royal Dutch Shell. “Dobbiamo offrire ai nostri clienti i prodotti e i servizi che desiderano e di cui hanno bisogno, prodotti con il minor impatto ambientale. Allo stesso tempo, useremo i nostri punti di forza consolidati per costruire sul nostro portafoglio competitivo mentre effettuiamo la transizione per essere un’azienda a emissioni nette al passo con la società ”.

Shell sta integrando la sua strategia, il suo portafoglio di attività, le sue ambizioni ambientali e sociali nell’ambito degli obiettivi di ‘Powering Progress’: generare valore per gli azionisti, raggiungere emissioni ‘net  zero’, alimentare vite umane e il rispetto della natura.

L’organizzazione rimodellata di Shell realizzerà questi obiettivi attraverso i tre pilastri aziendali:  crescita, transizione e upstream.

La strada di Shell verso il ‘net zero’

Shell ha definito i dettagli di come pensa raggiungerà il suo obiettivo di essere un business energetico a emissioni nette uguali a zero entro il 2050.

Questo obiettivo copre le emissioni derivanti dalle sue operazioni e le emissioni dall’uso di tutti i prodotti energetici che vende e, soprattutto, include le emissioni del petrolio e del gas che altri producono e Shell poi vende come prodotti ai clienti, rendendo l’obiettivo completo.

Per raggiungere il ‘net zero’, Shell continuerà a legare gli obiettivi a breve termine per ridurre le emissioni di carbonio alla remunerazione di oltre 16.500 dipendenti.

Ciò include una nuova serie di obiettivi per ridurre l’intensità netta di carbonio : 6-8% entro il 2023, 20% entro il 2030, 45% entro il 2035 e 100% entro il 2050, utilizzando una linea di base del 2016. 

Shell prevede che le sue emissioni totali di carbonio abbiano raggiunto il picco nel 2018 di 1,7 giga-tonnellate all’anno e conferma che la sua produzione totale di petrolio ha raggiunto il picco nel 2019. 

Shell cercherà di avere accesso a ulteriori 25 milioni di tonnellate all’anno di capacità di carbonio, cattura e stoccaggio (CCS) entro il 2035.

Attualmente, Shell fa parte di tre progetti chiave CCS:  Quest in Canada (in funzione), Northern Lights in Norvegia (sanzionato) e Porthos in Olanda (pianificato), raggiungeranno un totale di circa 4,5 milioni di tonnellate di capacità.

L’azienda mira a utilizzare soluzioni basate sulla natura (Nature-Based Solutions ), in linea con la filosofia di evitare, ridurre e solo successivamente mitigare, per compensare le emissioni di circa 120 milioni di tonnellate all’anno entro il 2030.

Shell collaborerà con la ‘Science Based Targets Initiative’, ‘Transition Pathway Initiative’ e altri per sviluppare standard per il settore e allinearsi a tali standard.

Piano di transizione energetica e l’ idrogeno

A partire dall’AGM del 2021, Shell sottoporrà un piano di transizione energetica per un voto consultivo agli azionisti, il primo nel settore a farlo. Shell aggiornerà tale piano ogni tre anni e chiederà un voto consultivo sui progressi compiuti ogni anno.

L’obiettivo di Shell è costruire attività materiali a basse emissioni di carbonio di dimensioni significative entro i primi anni del 2030. L’upstream continuerà a fornire forniture energetiche vitali, che aiuteranno a generare la liquidità e i rendimenti necessari per finanziare le distribuzioni agli azionisti, accelerando gli investimenti nelle attività in crescita per cogliere nuove opportunità di mercato.

Inoltre, Shell punta a vendere circa 560 terawattora all’anno entro il 2030, il doppio dell’elettricità che vende oggi.

Shell prevede di rafforzare la sua posizione nell’idrogeno sviluppando hub integrati per l’idrogeno per servire l’industria e il trasporto pesante, mirando a raggiungere una quota a due cifre delle vendite globali di idrogeno pulito.

Latest article