venerdì, 19 Agosto 2022

Sempre piu’ intenso lo sviluppo tecnologico per il trasporto dell’idrogeno tramite condotte

Gli sforzi per la ricerca sul trasporto dell’idrogeno tramite gasdotti stanno aumentando e stanno diventando più coordinati, indica una presentazione alla 17a Conferenza annuale sulle opportunità del gasdotto.

Gary Hines, vicepresidente operations del Pipeline Research Council International (PRCI) ha illustrato le considerazioni globali per il trasporto di condotte di idrogeno alla recente conferenza ospitata da Pipeline & Gas Journal in collaborazione con l’Interstate Natural Gas Association of America (INGAA) e la SMU Maguire Energy Institute.

Lo studio ha avuto un team centrale di 17 organizzazioni, con più di 50 esperti in materia e con ulteriori contatti con 15 organizzazioni e altri 30 esperti. Sono stati identificati 353 documenti per la revisione a livello globale.

Lo studio ha anche scoperto quanto sia complesso studiare considerazioni globali per il trasporto di condotte di idrogeno. Parte di quella complessità deriva dalle differenze significative tra idrogeno e metano, ha detto Hines.

Per la nostra catena del valore di spostamento, trasporto di gas naturale come facciamo oggi, e continuando ad aumentare la miscela di idrogeno, cambia praticamente tutto nel nostro sistema“, ha detto. “Questo ha un impatto su tutto. Questo non è un cambiamento minore. “

È stato pubblicato molto lavoro sulla miscelazione dell’idrogeno nei sistemi di tubazioni, ma ce n’è meno per aumentare la percentuale di idrogeno nella miscela e trasportare esclusivamente idrogeno.

L’idrogeno ha una dimensione dell’atomo molto più piccola del metano, ha detto Hines.

L’idrogeno può fuoriuscire attraverso aree molto piccole“, ha detto Hines. “I componenti o il materiale utilizzati anche nel laboratorio di ricerca devono cambiare a causa delle dimensioni minuscole dell’atomo di idrogeno e del modo in cui si muove effettivamente attraverso aree molto piccole e perdite in spazi che tradizionalmente non consideravamo“.

Ci saranno molte più attrezzature e studi sulla sicurezza che non si concentrano specificamente sulla costruzione di condotte.

Ci sono cose … che hanno un impatto anche su cose come l’attrezzatura che indossiamo o portiamo con noi per ambienti pericolosi, che è molto diversa dalla nostra esperienza in passato“, ha detto Hines. “Questo è molto più ampio di un semplice problema di costruzione, solo un singolo elemento che potresti prendere in considerazione.

Si spera che questo ti offra una scala sufficiente per quanto riguarda la quantità di lavoro che viene eseguita e certamente la quantità di lavoro che deve essere eseguita mentre andiamo avanti“, ha detto.

Lo studio PRCI SOTA cerca di evitare duplicazioni con altri studi. Il PRCI sta anche lavorando per collegare le parti che stanno ricercando argomenti simili per incoraggiare la collaborazione e abbinare le parti interessate con le lacune rimanenti e gli argomenti sotto-studiati, ha detto Hines.

Mentre la ricerca sull’idrogeno è in corso dagli anni ’70, è difficile dire se qualcuno avrebbe potuto prevedere anche un anno fa la grande quantità di ricerche eseguite oggi, ha detto.

C’è una rapida, rapidissima migrazione della quantità di lavoro e impegno in questo spazio per varie aree“, ha detto. “L’interesse mondiale è ampio e in crescita“.

PRCI è un’associazione di categoria senza scopo di lucro con la missione di fornire in modo collaborativo una ricerca applicata pertinente e innovativa per migliorare continuamente i sistemi di condotte energetiche globali, ha affermato Hines.

Il PRCI ha completato uno studio all’avanguardia nel campo dell’idrogeno alla fine dello scorso anno, ha affermato. Lo studio si è concentrato sulla ricerca delle lacune esistenti nel settore, la mappatura di progetti e riferimenti mondiali, analisi all’avanguardia, analisi delle lacune e raccomandazioni per argomenti di ricerca e sviluppo.

Latest article