martedì, 9 Agosto 2022

Pure il primo ministro russo crea un gruppo di lavoro sull’idrogeno

Il primo ministro russo Mikhail Mishustin ha creato un gruppo di lavoro sull’idrogeno in quello che è visto come un tentativo di rispondere alle richieste di transizione energetica nei suoi principali mercati di esportazione di energia in Europa e in Asia.

L’iniziativa sottolinea l’opinione dominante in Russia secondo la quale la propria futura produzione di idrogeno dipenderà prevalentemente dal gas naturale. Ciò comporterebbe principalmente la produzione di idrogeno blu – che utilizza la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS) – piuttosto che l’idrogeno verde, dove l’energia rinnovabile viene utilizzata per alimentare il processo di elettrolisi che divide l’acqua in idrogeno e ossigeno.

C’è anche una lobby in Russia che sostiene lo sviluppo continuo di petrolio e carbone per fornire energia agli impianti di produzione di idrogeno, con il governo che sottolinea che il paese è “ricco di risorse di idrocarburi”.

Il nuovo gruppo di lavoro comprende i presidenti e i vicepresidenti dei principali produttori di gas russi, ovvero  Gazprom e Novatek, dei produttori di petrolio Rosneft e Gazprom Neft, nonché dei rappresentanti di diverse altre importanti società statali russe e dei relativi ministeri.

Per diversi anni, Gazprom ha studiato l’opzione di miscelare l’idrogeno nelle forniture di gas e recentemente ha ribadito la possibilità che una delle due linee del suo prossimo gasdotto sottomarino Nord Stream 2 verso la Germania possa essere riproposta in circa 10 anni per trasportare l’ idrogeno.  

Il più grande produttore di gas indipendente della Russia Novatek ha guidato gli sforzi verso il cambiamento, avendo firmato diversi accordi all’inizio di quest’anno per valutare il CCS, la produzione di ammoniaca e la generazione di energia eolica nei suoi progetti di gas naturale liquefatto nella penisola di Yamal.

Nel frattempo, Rosneft e Gazprom Neft hanno ripetutamente sottolineato di non essere dei ‘nuovi arrivati’​​all’idrogeno, poiché è stato prodotto e utilizzato a lungo nelle loro raffinerie, generalmente come idrogeno “grigio”.  Tuttavia, entrambi hanno affermato che stanno anche lavorando su opzioni di energia eolica e solare per ridurre la loro impronta di carbonio.

Il gruppo di lavoro non include rappresentanti di altri produttori di petrolio russi a capitale privato, come Lukoil, Surgutneftegaz e Tatneft. Il vicepresidente di Lukoil, Leonid Fedun, ha dichiarato all’inizio di questa settimana che i produttori di petrolio russi “sono stati molto sollevati” dalla proposta della Commissione europea di posticipare la tanto temuta introduzione di una carbon border tax sulle loro esportazioni di petrolio e prodotti in Europa a oltre il 2026. Ciò significa che i produttori russi dovrebbe ora aspettarsi un’attesa di 10 anni prima che questa tassa abbia un impatto sulle loro esportazioni europee.

Latest article