giovedì, 1 Dicembre 2022

Mainstream aumenta le ambizioni del Cile con un nuovo ‘mega’-impianto di produzione di energia elettrica verde

Mainstream incrementa le sue ambizioni nel mercato cileno delle energie rinnovabili con piani per un altro >1GW e idrogoeno.

Il developer con sede in Irlanda mira ad andar avanti con sei fasi di sviluppo nella nazione sudamericana, con il primo blocco da 255 MW che inizierà la costruzione entro il 2022. Poi, cercherà di aggiungere capacità di stoccaggio della batteria ad alcuni dei progetti, ha affermato. L’ultimo piano, che Mainstream sta chiamando la piattaforma Nazca Renovables, arriva poche settimane dopo che il developer ha completato la messa in servizio del suo build-out Andes Renovables da 1,3 GW. 

La società prevede di coprire il 20% del fabbisogno energetico dei consumatori cileni entro il 2022, anche prima che i progetti di Nazca vengano aggiunti al mix, consolidando il suo ruolo chiave nella transizione energetica della nazione iniziata quando aveva vinto alla grande nelle aste governative tenutesi nel 2015 e il 2016. 

Il progetto iniziale di Nazca, chiamato Humboldt, diviso tra Tata Inti solar a nord e il parco eolico di Entre Ríos più a sud, venderà energia a un acquirente privato in base a un contratto di acquisto di energia a lungo termine, rispecchiando accordi simili raggiunti su Andes Renovables. 

Il piano cileno mostra la crescente ambizione di Mainstream guidata da Aker Horizons, che all’inizio di quest’anno aveva acquisito una quota di proprietà del 75% in MRP per 750 milioni di euro. La società principale e consorella Aker Clean Hydrogen all’inizio di quest’anno ha dichiarato l’intenzione di sviluppare fino a 1 GW di capacità di idrogeno pulito in Cile. 

Il Cile mira a ricavare il 20% della sua energia da rinnovabili non idroelettriche entro il 2025 e il 70% entro il 2050 e in una roadmap energetica ha anche delineato un potenziale significativo per lo sviluppo di progetti di idrogeno verde su larga scala.

Latest article