venerdì, 19 Agosto 2022

Presto anche nei porti italiani le navi a idrogeno?

Una società di progettazione navale norvegese è pronta a far salpare dai porti italiani e francesi due traghetti alimentati a idrogeno, la svolta più concreta per un alimentazione sostenibile dei trasporti. 

Normalmente, il consumo energetico per far navigare una nave è enorme, circa 2.500 barili di combustibile per una nave media, e con il trasporto mondiale su acqua sempre più inarrestabile e il conseguente aumento del numero di navi la preoccupazione per la sostenibilità delle imprese di navigazione è molto alta. Deve essere quindi trovato un sostituto per i combustibili fossili tradizionali.

L’utilizzo dell’idrogeno è una delle idee più esaminate, pur non essendo l’unica opzione di carburante alternativo; così come le batterie caricate con elettricità rinnovabile hanno limiti sulla capacità di alimentazione – le grandi navi che attraversano gli oceani avrebbero semplicemente bisogno di troppe batterie per funzionare solo con queste.

Al momento comunque l’ idrogeno rappresenta la principale speranza di carburante sostenibile per i trasporti marittimi in modalità rispettose del clima: “L’idrogeno verde può essere davvero privo di emissioni per l’intero ciclo di vita – afferma Marie Hubatovadell’Environmental Defense Fund di New York – Ciò significa dal punto in cui il combustibile viene estratto, o prodotto, fino al punto di combustione”.

I primi traghetti alimentati a idrogeno operativi in Italia potrebbero fare il loro esordio già in meno di due anni. Dalla Norvegia rimbalza infatti la notizia che la società Green Ships, azienda di progettazione navale fondata nel 1990 e guidata da Per Kavli, starebbe lavorando al progetto di realizzare e impiegare nel Mediterraneo innovativi traghetti alimentati a idrogeno.

Più precisamente, secondo quanto riferisce la testata specializzata norvegese Maritimt Magasin, il progetto è quello di costruire due grandi navi RoPax alimentate a idrogeno e destinate a operare sulla rotta che collega il sud della Francia, con la Corsica e la Sardegna. Più precisamente i porti scalati saranno, stando a quanto riporta il giornale specializzato, Nizza, Ajaccio e Porto Torres.

La società Green Ships avrebbe già firmato una lettera d’intenti con il cantiere navale Fosen Shipyard, anch’esso norvegese, per queste due nuove costruzioni il cui completamento avverrebbe già entro due anni. Più precisamente si parla di fine 2022 per l’entrata in servizio della prima unità ed estate 2023 per la seconda.

Il progetto di navi alimentata a idrogeno curato da Green Ships riguarda traghetti lunghi 150 metri, con una capacità per accogliere a bordo 1.200 passeggeri e trasportare 340 auto a 20 nodi di velocità.

Quale sarà la compagnia di navigazione che in concreto opererà queste navi ad oggi ancora non è noto. Ma, considerando i porti che queste nuove costruzioni pare siano destinate a scalare (Nizza, Ajaccio e Porto Torres), il pensiero va subito a Corsica Ferries. Nel 2018 il numero uno della compagnia corsa, Pierre Mattei, aveva annunciato l’intenzione di investire in due traghetti green con una capacità di carico di 2.200 passeggeri e 700 veicoli ma fino ad oggi a quegli annunci non aveva fatto seguito nessuna firma di contratti.

Latest article