sabato, 19 Giugno 2021

‘Mission Innovation 2.0’ – alleanza per guidare il decennio dell’innovazione nell’energia pulita da 250 miliardi di dollari

Al “Global Innovating to Net Zero Summit”, 23 governi responsabili di oltre il 90% degli investimenti pubblici globali nell’energia pulita hanno lanciato collettivamente nuovi piani molto audaci per catalizzare l’azione e l’innovazione durante il prossimo decennio e per aumentare gli investimenti globali nella ricerca, nello sviluppo e negli impianti dimostrativi per l’energia pulita.

La mossa si presenta sotto forma della seconda fase di Mission Innovation (Mission Innovation 2.0) e si dice che rappresenti la più significativa iniziativa intergovernativa di energia pulita in vista della conferenza sul clima COP26.

L’obiettivo è rendere l’energia pulita attraente e accessibile per tutti in questo decennio e accelerare l’azione verso le conclusioni dell’accordo di Parigi.

Mission Innovation 2.0 catalizzerà l’azione e gli investimenti pubblico-privato attraverso “missioni” settoriali che accelereranno le frontiere dell’innovazione e ridurranno i costi delle tecnologie aumentando l’azione pubblico-privata in aree critiche per la transizione globale verso l’energia pulita, a partire dalla èproduzione e trasmissione di energia elettrica, idrogeno pulito e trasporti.

Il decennio dell’innovazione, come previsto da Mission Innovation 2.0, prevede un investimento previsto di almeno 250 miliardi di dollari (sulla base dei dati dell’Agenzia internazionale per l’energia) da parte dei membri di Mission Innovation per accelerare lo sviluppo di soluzioni energetiche pulite in aree critiche e raggiungere punti di svolta nella loro convenienza.

Ciò include 25 miliardi di dollari già stanziati dai governi per investire entro il 2030 in importanti progetti dimostrativi, che potrebbero espandersi a circa 50 miliardi di dollari in base ai recenti annunci.

Il nuovo piano d’azione di Mission Innovation 2.0.

Ogni “missione” è guidata da una coalizione di paesi e riunisce i governi e il settore privato per concentrare gli sforzi di innovazione.

Le “missioni” sono sostenute da una nuova piattaforma di innovazione globale per rafforzare la fiducia e la consapevolezza nelle innovazioni emergenti e per massimizzare l’impatto degli investimenti nazionali.

Green Powered Future – guidato da Cina, Italia e Regno Unito – mira a dimostrare che, entro il 2030, i sistemi energetici in diverse aree geografiche e climi saranno in grado di integrare efficacemente fino al 100% di energie rinnovabili variabili, come eolica e solare, nei loro mix di generazione e mantenere un sistema efficiente in termini di costi, sicuro e resiliente.

Clean Hydrogen – guidato da Australia, Cile, Regno Unito, Stati Uniti e Unione Europea – mira a rendere il costo dell’idrogeno pulito competitivo per l’utente finale riducendo i costi end-to-end a $ 2 per chilogrammo entro il 2030. La missione aumenterà la ricerca e sviluppo nelle tecnologie dell’idrogeno e fornire almeno 100 valli di idrogeno attraverso la produzione, lo stoccaggio e l’uso finale dell’idrogeno in tutto il mondo.

Zero-Emissions Shipping – guidato da Danimarca, Stati Uniti e Norvegia, insieme al Global Maritime Forum e al Maersk McKinney Moller Center for Zero Carbon Shipping – mira a navi in ​​grado di funzionare con combustibili a emissioni zero (come idrogeno verde, ammoniaca e metanolo) per costituire almeno il 5% della flotta d’altura globale entro il 2030.

Piattaforma per l’innovazione: creerà fiducia globale nelle soluzioni emergenti di energia pulita monitorando i progressi dell’innovazione, migliorando lo scambio di conoscenze e la collaborazione e lavorando con investitori, innovatori e utenti finali per accelerare l’immissione sul mercato delle tecnologie.

Come parte della piattaforma, l’India ha lanciato oggi il Mission Innovation CleanTech Exchange che creerà una rete di incubatori tra i paesi membri. La rete fornirà l’accesso alle competenze e alle informazioni di mercato necessarie per supportare le nuove tecnologie per accedere a nuovi mercati a livello globale.

Impegno globale per la transizione energetica

In una dichiarazione congiunta di lancio di Mission Innovation 2.0, i ministri dell’energia, della ricerca e della scienza in rappresentanza di 22 paesi e la Commissione europea (a nome dell’Unione europea) hanno dichiarato:

Dal momento che molti governi e aziende in tutto il mondo continuano a impegnarsi per obiettivi climatici ambiziosi e a raggiungere emissioni nette pari a zero, la necessità di innovazione non è mai stata così grande o urgente. Per raggiungere l’accordo di Parigi, tutti i settori dell’economia hanno bisogno di accedere a soluzioni di energia pulita competitive in questo decennio”.

Nella dichiarazione, i ministri si sono impegnati a rafforzare la loro ambizione e la cooperazione collettiva, mobilitare e collegare gli sforzi globali di ricerca, sviluppo e dimostrazione per massimizzare l’impatto di questi investimenti, rafforzare la fiducia nelle soluzioni di energia pulita e sviluppare percorsi per l’implementazione.

Si sono inoltre impegnati a sviluppare percorsi nazionali di innovazione che descrivano come miglioreranno l’ambizione di essere pionieri delle tecnologie e/o dei settori dell’energia pulita per raggiungere i loro obiettivi climatici ed energetici fino al 2030.

Mission Innovation sta collaborando con una rete di organizzazioni partner in tutto il mondo per accelerare l’innovazione. In occasione dell’Innovating to Net Zero Summit, la Commissione Europea e Breakthrough Energy Catalyst – programma fondato da Bill Gates – hanno anche annunciato una nuova partnership per sostenere gli investimenti in tecnologie pulite per le industrie a basse emissioni di carbonio.

Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha dichiarato: “La Global Roadmap to Net Zero entro il 2050 dell’IEA mostra che entro la metà del secolo, quasi la metà delle riduzioni delle emissioni di CO2 dovrà provenire da tecnologie che sono attualmente in fase di dimostrazione o fase di prototipo. Ciò significa che sono necessari grandi sforzi di innovazione entro il 2030 per portare queste nuove tecnologie sul mercato in tempo e scalarle nei prossimi decenni”.

Dal 2015, i governi membri di Mission Innovation hanno aumentato gli investimenti nell’innovazione nell’energia pulita per un totale complessivo di 18 miliardi di dollari.

Gli investimenti sono ora superiori di 5,8 miliardi di dollari all’anno rispetto al 2015. Canada, Cile, Finlandia, Giappone, Paesi Bassi, Norvegia, Repubblica di Corea e Regno Unito hanno raddoppiato i loro livelli di investimento e Danimarca, Germania, Svezia e Commissione europea sono aumentati investimento del 75% o più rispetto ai valori di riferimento del 2015, secondo Mission Innovation.

Gli investimenti nazionali hanno già sostenuto la ricerca, lo sviluppo o la dimostrazione di quasi 1.500 innovazioni con il potenziale di evitare più di 21 gigatonnellate di CO2 all’anno entro il 2030, se completamente implementate.

Inoltre, attraverso Mission Innovation, un finanziamento aggiuntivo di 1,6 miliardi di dollari ha sostenuto 157 nuove collaborazioni internazionali dal 2015, a sostegno dell’innovazione dell’energia pulita a livello globale.

Latest article