sabato, 19 Giugno 2021

La International Energy Agency ritiene inadeguati gli investimenti ‘verdi’ dell’industria petrolifera

Nel recentissimo rapporto sugli investimenti nell’ industria dell’energia, uscito mercoledì scorso, la International Energy Agency ritiene che l’industria del petrolio e del gas dovrebbe incrementare gli investimenti nell’energia pulita quest’anno, ma ciò non sarà ancora lontanamente sufficiente per mettere il mondo sulla strada giusta per limitare un pericoloso aumento delle temperature globali.

La IEA si aspetta che le tradizionali aziende di combustibili fossili aumentino gli investimenti nel pieno rispetto delle esigenze del clima ad almeno il 4% della loro spesa in conto capitale, rispetto a solo l’1% dell’anno scorso. 

La cifra sottolinea sia il rapido ritmo con cui gli investimenti si stanno orientando verso fonti a basse emissioni di carbonio, sia la portata della sfida. La IEA ha affermato all’inizio di quest’anno che il mondo deve fermare lo sviluppo di nuovi giacimenti di petrolio e gas e miniere di carbone per limitare l’aumento della temperatura globale.

Devono essere mobilitate risorse molto maggiori e indirizzate verso tecnologie energetiche pulite per mettere il mondo sulla buona strada per raggiungere le emissioni ‘net zero’ entro il 2050“, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo della IEA. Tra le altre pietre miliari, il piano 2050 della IEA di qualche settimana fa suggerisce di interrompere tutte le nuove esplorazioni del petrolio e gas in tutto il mondo. “Il rimbalzo degli investimenti energetici è un segnale positivo e sono incoraggiato a vederne fluire di più verso le energie rinnovabili”.

Nel complesso, la IEA prevede che gli investimenti globali in energia raggiungano 1,9 trilioni di dollari nel 2021, un aumento di quasi il 10% rispetto al 2020, che quasi compenserà il calo causato dalle ricadute dell’inizio della pandemia di Covid-19 lo scorso anno. La spesa per la generazione di energia aumenterà di circa il 5% quest’anno, raggiungendo un record di oltre 820 miliardi di dollari a livello globale. Le fonti di energia rinnovabile, tra cui solare ed eolico, rappresenteranno circa il 70% della nuova capacità.

Nonostante la pressione per ridurre le emissioni, l’IEA prevede che meno del 45% degli investimenti globali nel settore sia destinato all’energia pulita. Ciò include la spesa per le energie rinnovabili, le infrastrutture di trasmissione, l’energia nucleare, le batterie, la cattura del carbonio e l’efficienza energetica. Gli investimenti in energia pulita devono più che triplicare in questo decennio per mantenere la possibilità di limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius.

Con l’aumento della pressione sulle aziende private per limitare il loro impatto sul clima, le imprese statali rappresenteranno una quota maggiore degli investimenti in combustibili fossili, ha affermato l’IEA. Gran parte del cambiamento che è destinato a guidare gli investimenti complessivi delle compagnie petrolifere e del gas nell’energia pulita è guidato dalle aziende europee che sono state maggiormente sotto pressione per ridurre le emissioni.

Latest article