domenica, 7 Agosto 2022

L’uomo più ricco dell’Asia costruirà una gigafactory per produrre il nuovo elettrolizzatore di idrogeno di Stiesdal a basso costo

Il pioniere delle turbine eoliche Henrik Stiesdal ha firmato un accordo con il conglomerato indiano Reliance Industries per produrre grandi quantità di elettrolizzatori di idrogeno a bassissimo costo in una nuova gigafactory nello stato del Gujarat.

In una dichiarazione rilasciata dopo la firma dell’accordo, l’amministratore delegato di Reliance Mukesh Ambani – che si dice sia l’uomo più ricco dell’Asia, con un patrimonio netto di $ 100 miliardi – ha dichiarato: “In collaborazione con Stiesdal, ci impegneremo a raggiungere il nostro obiettivo dichiarato di offrire energia a idrogeno verde a meno di $ 1/kg in un decennio”.  

Reliance aveva annunciato in giugno che avrebbe investito 10 miliardi di dollari in questa nuova forma di energia. L’accordo con Reliance arriva solo un anno dopo che la controllata di Stiesdal (Stiesdal PtX Technologies) aveva completato il suo primo prototipo di elettrolizzatore alcalino da 8 kW.

Il secondo prototipo, una macchina da 150 kW, è stato appena commissionato, con un modello da 3 MW – l’HydroGen Electrolyser – ora in fase di sviluppo, in vista della produzione in serie nel 2023.

Reliance si è affrettata a prendere la  licenza e produrre in serie un prodotto che ha a malapena ha superato la fase di progettazione, perché l’elettrolizzatore alcalino di Stiesdal costerà una frazione del prezzo attuale di altri elettrolizzatori offerti sul mercato, a circa 200 €/kW, dicono. Questo in un mercato con costi tipici nell’intervallo di 500-1.000 €/kW.

Stiesdal e il suo team sono giunti alla conclusione che il motivo principale per cui gli elettrolizzatori erano costosi era dovuto a una certa mancanza di industrializzazione su grande scala. “Io e molti dei nostri dirigenti proveniamo dal settore eolico. E (…) abbiamo visto che ciò che ha ridotto il costo [delle turbine eoliche] non sono state le idee brillanti o la ricerca all’avanguardia, ma ciò che ha ridotto i costi è stata l’industrializzazione. È stata la produzione di massa, la standardizzazione, questo è ciò che ha fatto la differenza”.

Stiesdal A/S ha collaborato con esperti dell’Università tecnica della Danimarca per mettere a punto la tecnologia di base del nuovo elettrolizzatore. In termini molto semplici, Stiesdal PtX Technologies ha progettato un elettrolizzatore in cui ogni componente è economico, utilizzando apparecchiature standard ove possibile.

Stiesdal dice che, poiché il capex del nuovo elettrolizzatore è così basso, l’idrogeno verde può diventare competitivo in termini di costi con quello grigio altamente inquinante già oggi se alimentato dall’energia solare in regioni ad alto irraggiamento. Significa anche che l’idrogeno verde può diventare accessibile quando si utilizza solo energia rinnovabile in eccesso che altrimenti verrebbe sciupata.

Questo non è stato possibile fino ad ora perché l’alto capex degli elettrolizzatori ha significato che devono essere in funzione per molte, molte ore all’anno per ridurre il costo medio dell’idrogeno a un livello ragionevole.

Latest article