lunedì, 15 Agosto 2022

Le società energetiche scommettono sull’ idrogeno, ma le prospettive di ritorni sono lontani

I governi e le società energetiche stanno scommettendo molto sull’idrogeno pulito, che gioca un ruolo di primo piano negli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra, ma i suoi usi e costi futuri sono altamente incerti

4 marzo, 2021

By Ron Bousso, Stephanie Kelly – Reuters

 “Senza l’idrogeno entro il 2050 non possiamo puntare a essere un’economia a zero emissioni di carbonio“, ha detto questa settimana l’amministratore delegato di Royal Dutch Shell, Ben van Beurden, alla conferenza online CERAWeek.

L’elemento più abbondante dell’universo, l’idrogeno è stato pubblicizzato per decenni come alternativa ai combustibili fossili, ma i tentativi di commercializzarlo per l’uso nei veicoli e nell’industria sono in gran parte falliti.

Finora, la produzione su scala commerciale proveniva dal gas naturale o dal carbone ed è un mercato di nicchia utilizzato principalmente nella raffinazione del petrolio e nell’industria pesante. 

Ma il cosiddetto idrogeno blu, dove le emissioni di carbonio durante la sua produzione non vengono rilasciate nell’atmosfera, e l’idrogeno verde, che è prodotto con energia rinnovabile, stanno suscitando un enorme interesse come alternativa pulita al gas naturale che può essere utilizzato per il riscaldamento delle case, industria pesante e trasporti.

L’Unione Europea, la Gran Bretagna, il Giappone e la Corea del Sud, così come le principali compagnie petrolifere e del gas, come Royal Dutch Shell, BP e Total, hanno stabilito piani per investire pesantemente nell’idrogeno.

Nella provincia canadese del Quebec, dove l’energia idroelettrica è abbondante, l’idrogeno verde diventerà una realtà, ha detto il ministro canadese delle risorse naturali Seamus O’Regan. Lo scorso anno il Canada ha presentato una strategia sull’idrogeno che potrebbe valere 40 miliardi di dollari.

Ma convertire lo stoccaggio del gas naturale, le condotte, i forni e le caldaie all’idrogeno sarà un processo lungo e costoso.

L’idrogeno non sarà la soluzione a tutto e tutti … non è il proiettile d’argento che risolve tutti i problemi“, ha detto alla conferenza Christian Bruch, CEO di Siemens Energy. “Non vedo davvero una redditività commerciale su larga scala prima del 2025 o addirittura alla fine del decennio“, ha aggiunto Bruch. “C’è ancora molta strada da fare per dimostrare che abbiamo sistemi resilienti e affidabili“.

Una sfida è il costo della produzione di idrogeno verde, che oggi non può competere con il gas naturale o con l’idrogeno prodotto dal gas naturale.

Conosciuto come idrogeno grigio, l’idrogeno prodotto dal gas naturale o dal carbone in un processo che emette alti livelli di anidride carbonica, è la forma più comune del carburante prodotto oggi e costa circa $ 1 al chilogrammo.

La produzione dell’ idrogeno blu più pulito, che cattura e immagazzina l’anidride carbonica, costa da $ 2 a $ 3 al kg, mentre l’idrogeno verde – basato sull’uso di energia pulita ed elettrolisi per estrarre l’idrogeno dall’acqua – costa circa $ 5 al kg, ha detto il capo dell’innovazione e dell’ ingegneria della  BP David Eyton.

Ha anche detto che il trasporto dell’ idrogeno è costoso, anche se venissee convertito in liquido sotto forma di ammoniaca, che la compagnia petrolifera nazionale dell’Arabia Saudita Aramco ha iniziato a offrire ai clienti.

L’idrogeno è costoso da trasportare. Quindi, se puoi usarlo localmente, è una cosa molto più sensata da fare che inviarlo a lunga distanza “, ha detto Eyton.

Van Beurden di Shell ha anche affermato che l’idrogeno è per ora un’attività molto piccola. “Si espanderà e ci vorrà molto tempo prima che sia un business abbastanza grande da iniziare a fare davvero la differenza su una sorta di scala planetaria“, ha detto.

Latest article