martedì, 9 Agosto 2022

L’Arabia Saudita “potrebbe convogliare idrogeno verde in Europa per mantenere il ruolo di leader nell’energia”

Il top manager che pianifica il sistema di energia rinnovabile per la ‘mega’ città di Neom afferma che il Regno potrebbe realizzare un gasdotto gigantesco come un modo per mantenere lo status di “fornitore affidabile ” internazionale dell’energia

2 marzo, 2021

Andrew Lee – Recharge

L’Arabia Saudita vede l’idrogeno rinnovabile come un modo per mantenere il suo ruolo di “fornitore di energia continuo e affidabile per il mondo” nell’ambito di una strategia che potrebbe persino vedere il carburante verde inviato tramite gasdotti in Europa, ha affermato il dirigente che guida l’elemento energetico del regno Iniziativa per la città futura di Neom da 500 miliardi di dollari.

Peter Terium ha affermato che mentre la produzione di idrogeno verde si avvia grazie a giganteschi elettrolizzatori eolici e solari come quelli pianificati in Arabia Saudita, i produttori probabilmente guarderanno a tutte le opzioni di esportazione per soddisfare l’enorme domanda globale prevista.

Ciò potrebbe potenzialmente includere per il trasporto la conversione in ammoniaca, oppure la spedizione come idrogeno liquefatto, o presumibilmente un gigantesco gasdotto che porta H2 verde in Europa, ha affermato Terium, ex CEO dei giganti tedeschi delle utility RWE e Innogy, che ora è amministratore delegato di Neom per l’energia, l’acqua e alimentazione, che pianifica un sistema di energia pulita al 100% per il “laboratorio vivente” dell’Arabia Saudita sul Mar Rosso.

Terium ha affermato che l’idrogeno verde sarà al centro della visione per Neom – che ha già annunciato una joint venture con Air Products e il developer ACWA Power per ospitare la produzione di H2 rinnovabile alimentata da 4GW di vento, solare e stoccaggio – e per l’economia saudita in generale.

“Se guardo da dove proviene il gas naturale in Russia, non è molto più vicino che costruire un gasdotto per l’idrogeno per Neom.”

“Se guardo da dove proviene il gas naturale in Russia [inviato in Europa], non è molto più vicino che costruire un gasdotto per Neom attraverso l’Egitto, il Nord Africa e poi fino in Europa”, ha detto Terium a Recharge, aggiungendo che gli esperti ritengono che sarebbe possibile utilizzare una quantità significativa di infrastrutture di gasdotti esistenti per costruire un tale progetto colossale.

Le osservazioni di Terium fanno eco a quelle del ministro dell’Energia saudita, il principe Abdul Aziz bin Salman, che ha dichiarato la scorsa settimana in una conferenza del settore: “Se l’Europa volesse acquistare più idrogeno, idrogeno verde saudita, saremmo più che felici, e anche, se gli economics lo consentissero, di, trasportarlo da qualche parte in Europa. “

Fornitore affidabile di energia

L’Arabia Saudita è il più grande esportatore di petrolio al mondo. Terium ha detto a Recharge: “Una delle cose che [l’Arabia Saudita] ha capito è che sono stati un fornitore continuo e affidabile [di energia] per l’economia mondiale.

Passando all’energia rinnovabile, devono continuare a svolgere quel ruolo. L’idrogeno è un elemento chiave di tutto ciò. “

‘E’ come costruire le piramidi’: i piani di energia verde per la megalopoli saudita di Neom da 500 miliardi sono epici!

 Le nazioni europee hanno discusso apertamente con il ministro tedesco dell’Energia Peter Altmaier  la necessità di enormi forniture di idrogeno verde per soddisfare i loro piani di decarbonizzazione.  Altmeier   ha affermato il mese scorso di aver tenuto colloqui con la Russia su questo argomento.

I commenti di Terium sono arrivati ​​durante l’intervista con Recharge sui suoi piani per creare entro un decennio da zero l’enorme base energetica per Neom, che includerà uno dei più grandi programmi di approvvigionamento di energia eolica e solare degli ultimi anni e che potrebbe vedere nuovi impianti fino a 40 GW.

Neom, che intende diventare la casa di un milione di persone e offrire al mondo un paradiso per l’ecoturismo, vuole anche essere un pioniere dei processi industriali verdi alimentati da elettricità rinnovabile o idrogeno.

Latest article