lunedì, 15 Agosto 2022

Le grandi aziende affrontano la sicurezza nell’ uso dell’ammoniaca come carburante

I pesi massimi del settore dei trasporti marittimi Lloyd’s Register’s Decarbonization Hub, Maersk, MAN Energy Solutions, Mitsubishi Heavy Industries, NYK Line, Total e il Mærsk Mc-Kinney Møller Center for Zero Carbon Shipping stanno iniziando un nuovo progetto con l’obiettivo di fornire linee guida sull’uso sicuro di ammoniaca come carburante per la navigazione.

23 Aprile, 2021, 

La Redazione

L’ammoniaca come carburante è emersa come uno dei probabili favoriti nel percorso di decarbonizzazione del settore marittimo. 

L’ammoniaca verde può essere prodotta da energia rinnovabile mediante elettrolisi di H2O, rendendola in definitiva un combustibile a zero emissioni di carbonio.

Tuttavia, ci sono importanti problemi di sicurezza che devono essere affrontati: il più importante è la sua elevata tossicità. L’uso dell’ammoniaca può essere visto come un grave pericolo per la sicurezza delle persone vicine a causa dei pericoli per la salute causati dall’esposizione per inalazione o per contatto con la pelle.

Quindi l’aspetto più importante per lo sviluppo di un motore alimentato ad ammoniaca o di una nave alimentata ad ammoniaca sarà assicurarsi che i potenziali rilasci di ammoniaca siano prevenuti e che sia garantita una gestione sicura e rapida di potenziali perdite.

Pertanto, è fondamentale affrontare questi problemi di sicurezza al fine di mitigare i rischi per le persone, le risorse e l’ambiente.  Di conseguenza, è necessario sviluppare una comprensione matura e dettagliata dei rischi e dei problemi di sicurezza, attraverso una metodologia di valutazione quantitativa del rischio. 

L’obiettivo pertanto è sviluppare le migliori pratiche per le salvaguardie nella progettazione e nelle disposizioni quando si utilizza l’ammoniaca come carburante per i trasporti marini. 

Questo progetto determinerà anche il rischio di morte dovuto a rilasci involontari di ammoniaca, nonché il contributo al rischio delle attrezzature chiave e degli spazi dedicati al suo stoccaggio.

Finanziato dai partner partecipanti, il progetto sarà gestito dal Mærsk Mc-Kinney Møller Center for Zero Carbon Shipping e dovrebbe durare per tutto il 2021.

Nell’entusiasmo di decarbonizzare il settore marittimo, una corretta gestione del rischio è fondamentale e la sicurezza non deve diventare un ripensamento. Questo progetto fornirà una conoscenza approfondita del rischio per la sicurezza, consentendo all’industria di orientarsi verso la futura progettazione della salvaguardia e linee guida operative adeguate “, afferma Claus Winter Graugaard, responsabile delle soluzioni per le navi, del centro Mærsk Mc-Kinney Møller.

Secondo Ole Graa Jakobsen, responsabile della tecnologia della flotta presso A. P. Moller – Maersk, la sfida della sicurezza dell’ammoniaca è il principale ostacolo da risolvere, affinché diventi un valido carburante per navi. 

Grazie all’esperienza accumulata nei trasportatori di ammoniaca e negli impianti di produzione di ammoniaca nel Gruppo MHI e combinando la conoscenza e gli sforzi con i grandi partner del progetto, siamo molto lieti di fornire quello che chiamiamo ‘Smell free concept’“, afferma Tomoo Kuzu, Senior Executive Vicepresidente, Mitsubishi Heavy Industries Marine Machinery & Equipment Co.

Si ritiene che progetti di collaborazione a livello di settore come questi siano la spina dorsale della ricerca applicata necessaria per garantire che la ricerca di laboratorio sia maturata con successo verso soluzioni scalabili che soddisfino le esigenze del settore.

In definitiva, i risultati ei risultati concreti dei progetti di ricerca e sviluppo e dimostrativi mirano a dare più fiducia al mercato per la commercializzazione di queste nuove soluzioni.

Latest article