giovedì, 1 Dicembre 2022

La Russia vuole una quota di mercato internazionale dell’idrogeno del 20 % entro il 2030

Il Vice Ministro dell’Energia Pavel Sorokin ha illustrato ieri uno scenario molto ottimistico di produzione ed esportazione dell’idrogeno

13 Aprile, 2021
La Redazione

Il governo russo deve ancora rilasciare una spiegazione su come intende raggiungere questo obiettivo, Sorokin ha affermato ieri, ma ci sono diversi scenari di sviluppo del mercato globale dell’idrogeno per gli anni a venire.

Il nostro obiettivo è ottenere il 20-25% del commercio globale di idrogeno … È ancora difficile valutare questo obiettivo in termini numerici: può essere 1mn-2mn t in uno scenario basso, o fino a 7mn t nel 2035 se è attivo, veloce sviluppo “, ha detto.

Nell’ambito della strategia energetica del governo approvata nel giugno dello scorso anno, la Russia ha delineato piani per trarre vantaggio dalla vicinanza del paese ai potenziali mercati in Europa e Asia-Pacifico. In questo piano prevedeva 200.000 tonnellate di esportazioni di idrogeno nel 2024 e 2 milioni di tonnellate nel 2035.

Il nuovo scenario, illustrato ieri da Sorokin è piu’ ottimistico, vede la Russia esportare 1 milione di tonnellate nel 2024 e 7 milioni di tonnellate nel 2035. Ha affermato che entro il 2050 la Russia potrebbe esportare tra 7,9 milioni e 33,4 milioni di tonnellate all’anno, a seconda del ritmo di sviluppo del mercato globale di idrogeno.

Non c’è chiarezza su come verrà trasportato l’idrogeno. La Gazprom, controllata dallo stato, e la società nucleare di proprietà statale Rosatom stanno lavorando su diversi progetti pilota per la produzione e il trasporto di idrogeno. Le compagnie petrolifere, tra cui Rosneft – anch’essa controllata dallo stato – e Lukoil, di proprietà privata, hanno affermato che hanno in programma lo sviluppo della la produzione di idrogeno.
Le opzioni per il trasporto dell’idrogeno includono gasdotti riadattati, liquefazione e utilizzo dell’ammoniaca come vettore energetico.

Latest article