lunedì, 15 Agosto 2022

La Russia scommette sul futuro dell’idrogeno mentre aumenta la pressione per i carburanti più puliti

La Russia ha abbracciato l’attuale incertezza sulla domanda di idrogeno e sulla sua redditività commerciale con la  speranza di trasformare il settore del gas nei prossimi anni con l’aiuto dei partner occidentali,  mentre si intensifica la pressione dei mercati per i combustibili più puliti.

La strategia dell’idrogeno del Paese vede la Russia come uno dei leader mondiali nella sua produzione ed esportazione. Il paese punta alla quota del  20% del mercato globale entro il 2030,  con esportazioni di idrogeno di 2 milioni di tonnellate all’anno entro il 2035 e 15-50 milioni di tonnellate all’anno entro il 2050.

L’obiettivo finale di 50 milioni di tonnellate/anno di esportazioni di idrogeno equivarrebbe a circa 160 Bcm/anno di gas naturale.

Questo in sostanza sostituirebbe tutte le esportazioni di gas naturale dalla Russia verso l’Europa oggi con l’idrogeno“, ha affermato S&P Global Platts Analytics.

Con i prezzi spot del gas europei saliti a livelli record, tutti gli occhi di un recente forum petrolifero e del gas sono rivolti allo sviluppo del settore dell’idrogeno come potenziale alternativa al gas naturale.

La Russia sta considerando lo sviluppo di progetti dell’ idrogeno basati sul nucleare, sul gas naturale e sulle energie rinnovabili e prevede di sfruttare le risorse nazionali, le rotte di approvvigionamento energetico esistenti e la vicinanza ai potenziali futuri consumatori in Europa e in Asia.

È prevista la creazione di almeno tre cluster di idrogeno: nel nord-ovest per le esportazioni verso lì Europa, nell’est per le forniture verso l’ Asia e nell’Artico per l’uso interno dell’idrogeno e le potenziali esportazioni.

Mentre la Russia si sta attualmente concentrando principalmente sulla produzione di idrogeno grigio e blu a partire dal gas naturale, resta la domanda se lo acquisteranno i clienti europei, che potrebbero dare la priorità all’idrogeno verde a causa dei suoi benefici ambientali.

Attualmente, il costo dell’idrogeno blu in Europa è inferiore a quello verde.  S&P Global Platts ha valutato al 16 settembre l’idrogeno prodotto dal gas naturale con CCS, inclusi capex e carbonio, a 4,21 euro/kg, , mentre quello prodotto da fonti rinnovabili mediante elettrolisi è stato superiore a 9,75 euro/kg.

Il ministero dell’energia russo sostiene che con la cattura del carbonio è possibile eliminare fino al 90% delle emissioni di idrogeno a base di gas.

Abbiamo bisogno di un dialogo [con l’Europa] su questo piano. Potrebbe essere possibile negoziare che questo idrogeno sia di fatto riconosciuto come verde de jure“, ha detto il CEO di Gazprom Neft Alexander Dyukov il 15 settembre .

La Russia ha vaste risorse di gas il governo russo e i grandi produttori di gas russi supportano l’idea delle esportazioni di idrogeno blu.

Ma l’economia e l’accettabilità dell’idrogeno blu a lungo termine devono ancora essere risolte“, ha affermato.

Il viceministro dell’energia russo Pavel Sorokin ha dichiarato che potrebbe esserci una “svolta” ad un certo punto per l’idrogeno a base di gas. “Dobbiamo essere pronti per questo“, ha detto.

Il mercato delle esportazioni di 15-50 milioni di tonnellate all’anno dalla Russia varrebbe 30-100 miliardi di dollari per l’economia russa, rispetto a circa 70-120 miliardi di dollari di valore economico totale degli odierni 5 milioni di barili al giorno di esportazioni di petrolio, secondo Platts Analytics.

Sembra che ci siano alcuni numeri tangibili che sostengono il loro obiettivo nazionale di diventare un attore importante nel mercato dell’idrogeno“, ha affermato.

Inoltre, in 10 anni il gasdotto Nord Stream 2 dovrebbe essere pronto per miscelare l’idrogeno in una o entrambe le linee e trasportarlo, risolvendo il problema dei trasporti che raddoppia i prezzi dell’idrogeno, secondo il ministero dell’energia.

Tuttavia, il presidente Vladimir Putin all’inizio di questo mese ha affermato che la Russia dovrebbe anche esaminare la produzione di idrogeno verde e ammoniaca nell’Estremo Oriente russo, rivolta ai clienti asiatici, principalmente Cina e Giappone, “dove la domanda crescerà costantemente nei prossimi decenni“.

Nel tentativo di attrarre investimenti e tecnologie stranieri, la Russia ha preso in considerazione incentivi per le aziende straniere disposte a partecipare a progetti congiunti sui cambiamenti climatici e le tecnologie pulite in Russia.

Non vogliamo essere dipendenti al 100% dai nostri partner occidentali, quindi l’intero processo dovrebbe essere implementato congiuntamente“, ha affermato Sorokin

All’inizio di quest’anno, Russia e Germania hanno firmato una dichiarazione d’intenti congiunta progettata per incoraggiare la cooperazione sull’energia sostenibile, compreso l’idrogeno.

Anche Russia ed Emirati Arabi Uniti si stanno preparando a tenere la loro prima riunione di un gruppo di lavoro congiunto sull’idrogeno nei prossimi due mesi.

Nel frattempo, il Giappone ha annunciato questo mese che lavorerà con le russe Rosneft e Novatek su progetti a basse emissioni di carbonio, tra cui idrogeno e ammoniaca, nonché CCS.

Anche i funzionari di società occidentali con un coinvolgimento di lunga data nel settore energetico russo hanno espresso interesse a partecipare a progetti di idrogeno in Russia, tra cui BP e TotalEnergies.

Latest article