giovedì, 1 Dicembre 2022

Air New Zealand e Airbus collaborano sullo sviluppo di aerei a idrogeno

Air New Zealand collaborerà con Airbus per studiare la fattibilità del volo di velivoli a idrogeno a emissioni zero in Nuova Zelanda, in una mossa volta ad aiutare la compagnia aerea a raggiungere il suo obiettivo di zero emissioni entro il 2050.

I due hanno firmato l’ altro giorno un primo accordo, definendolo il primo per l’Asia-Pacifico, per “comprendere meglio le opportunità e le sfide del volo di aerei a idrogeno a emissioni zero in Nuova Zelanda“. Air New Zealand analizzerà l’impatto che gli aerei a idrogeno possono avere sulla sua rete, operazioni e infrastrutture, mentre Airbus fornirà le prestazioni degli aerei a idrogeno e i requisiti operativi a terra per supportare la compagnia aerea nello sviluppo della sua roadmap di decarbonizzazione.

Lavoreremo a stretto contatto con Airbus per comprendere le opportunità e le sfide, tra cui l’autonomia di volo ottenibile e quali modifiche all’infrastruttura di terra o alla logistica potrebbero essere necessarie per implementare questa tecnologia in Nuova Zelanda“, ha affermato David Morgan, capo dell’integrità operativa e responsabile della sicurezza di Air New Zealand. .

I carburanti sintetici per l’aviazione, come l’idrogeno, stanno guadagnando terreno negli sforzi globali per raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2050. Ma è necessario disporre di adeguate infrastrutture di trasporto e di rifornimento di idrogeno per utilizzare l’idrogeno come fonte di energia per gli aerei.

In questa fase, sia gli aerei a idrogeno che quelli elettrici a batteria sono ancora sul tavolo come potenziali opzioni per i nostri voli domestici più brevi, insieme al carburante per l’ aviazione sostenibile (SAF) per le operazioni a lungo raggio“, ha affermato l’amministratore delegato di Air New Zealand Greg Foran. “Questa ricerca aiuterà a informare il futuro processo decisionale mentre lavoriamo per decarbonizzare la compagnia aerea“.

I SAF, noti anche come biojet, sono derivati ​​da fonti di combustibili non fossili come oli da cucina, oli vegetali, rifiuti urbani, gas di scarico e residui agricoli. Questi combustibili possono essere utilizzati in modo intercambiabile nell’infrastruttura di approvvigionamento progettata per i prodotti petroliferi e non richiedono l’adattamento di aeromobili o motori.

Lo scorso settembre Airbus ha presentato tre concetti per il primo aereo passeggeri commerciale a zero emissioni al mondo, ciascuno basato sull’idrogeno come fonte di energia primaria. La società ha poi affermato che mira a mettere in servizio questi velivoli entro il 2035.

Questo accordo con Air New Zealand ci fornirà importanti spunti su come mettere in servizio un aeromobile a emissioni zero. Lo studio congiunto ci consentirà di ottenere un prezioso feedback su ciò che le compagnie aeree si aspettano e le loro preferenze in termini di configurazione e prestazioni “, ha dichiarato il presidente di Airbus Asia-Pacifico Anand Stanley.

Latest article