martedì, 9 Agosto 2022

La Germania investe nell’idrogeno verde più economico al mondo proveniente dalla Namibia

La Germania prevede di importare enormi volumi di quello che sostiene sarà l’idrogeno verde più economico del mondo nell’ambito di un patto con la Namibia che amplia ulteriormente la corsa globale per garantire posizioni privilegiate per la produzione di H2 collegata a massicce installazioni di energia rinnovabile.

Il Ministro della scienza tedesco Anja Karliczek e Obeth Kandjoze, capo della commissione di pianificazione della Namibia, hanno firmato un comunicato congiunto di intenti per studiare l’enorme potenziale di energia solare ed eolica della nazione dell’Africa meridionale, e quindi per accelerare la sua economia dell’idrogeno verde. 

Il Ministero della scienza fornirà fino a 40 milioni di euro a sostegno del programma di stimolo economico post-Covid della Germania per la partnership, ha promesso Karliczek. L’accordo con la Namibia fa parte della strategia nazionale per l’idrogeno da 9 miliardi di euro presentata lo scorso anno dalla Germania e include 2 miliardi di euro a sostegno di progetti di idrogeno verde nei paesi partner di tutto il mondo, poiché la più grande economia europea non sarà in grado di produrre una quantità sufficiente di H2 verde in casa per soddisfare la domanda prevista, a causa dei vincoli di spazio. 

Inoltre, Berlino lo scorso anno ha firmato un accordo con l’Australia, uno dei paesi più promettenti al mondo nell’emergente economia globale dell’idrogeno, nel tentativo di garantire massicce importazioni future di idrogeno verde, nonché esportazioni di elettrolizzatori fabbricati in Germania. 

La Namibia, pur non essendo ancora un hotspot delle rinnovabili come l’Australia, gode di condizioni molto favorevoli. La nazione africana è scarsamente popolata con solo 2,5 milioni di abitanti e vanta più di 3.500 ore di sole, oltre a forti venti. Tali condizioni consentirebbero la produzione di idrogeno verde tramite elettrolisi ad un prezzo di 1,50-2,00 €/kg – il più economico al mondo, secondo Karliczek, che ha affermato che i prezzi di produzione previsti in Namibia sarebbero ancora più competitivi rispetto a quelli dell’idrogeno rinnovabile in altri paesi come il Cile e l’ Australia.

 Alcuni analisti, tuttavia, hanno avvertito che le ipotesi sui prezzi dei mega-progetti di idrogeno verde si basano su assunzioni eccessivamente ottimistiche. 

La Namibia ha in programma di presentare la propria strategia per l’idrogeno a novembre. Ma il Paese è anche uno dei più aridi del continente africano, sottolineando la necessità di impianti di desalinizzazione per fornire l’acqua ai giganteschi elettrolizzatori necessari per produrre grandi quantità di H2 verde da esportare. 

La Germania prevede di realizzare in un primo momento uno studio di fattibilità, seguito da progetti pilota tedesco-namibiani e dalla formazione di specialisti locali per l’idrogeno. Kandjoze ha aggiunto che la Namibia è particolarmente soggetta alle conseguenze del cambiamento climatico e deve agire ora. Il paese spera di poter iniziare con le esportazioni di idrogeno verde prima del 2025, dopo aver precedentemente coperto il proprio fabbisogno di energia rinnovabile e H2 verde. 

L’accordo sull’idrogeno arriva sulla scia di un recente accordo di aiuti alla ricostruzione, che prevede pagamenti di 1,1 miliardi di euro dalla Germania alla Namibia a titolo di risarcimento per i crimini coloniali, anche se i fondi non sono ufficialmente chiamati pagamenti di riparazione. La Namibia è stata una colonia tedesca tra il 1884 e il 1915, durante la quale la Germania dal massacrò decine di migliaia di Herero e Nama nel primo genocidio del ventesimo secolo. Il paese è stato successivamente occupato dal Sudafrica prima di diventare indipendente in 1990.

Latest article