giovedì, 1 Dicembre 2022

La divisione Lightsource della British Petroleum aggiunge GW su GW nel solare e idrogeno

La capessa internazionale di Lightsource BP afferma “Asia next” mentre il gigante petrolifero apre le porte globali per il solare e l’idrogeno. Dopo il Portogallo e la Grecia, l’Asia è ora saldamente sul radar in una rapida espansione aiutata dalla capacità del suo comproprietario supermajor del petrolio e del gas di aprire le porte in tutto il pianeta.

La CEO di Lightsource BP per il mondo internazionale Kareen Boutonnat ha parlato dopo che il developer è entrato in due nuovi mercati europei in pochi giorni e ha portato la sua pipeline totale di progetti a 20 GW.

Sia il Portogallo che la Grecia hanno due degli ingredienti principali che Lightsource BP, posseduta al 50% dalla British Petroleum, sta cercando: una buona irradiazione solare e un governo con ambizioni dichiarate nell’energia pulita. L’espansione della JV l’ha vista rapidamente costruire una presenza importante in Europa e negli Stati Uniti, ma la sua pipeline in Asia è molto più scarsa. Questo cambierà presto, ha indicato Boutonnat. “Ci sono molte opportunità interessanti in Asia Pacifico. Siamo molto interessati a Taiwan e abbiamo una squadra sul campo in diversi paesi del sud-est asiatico per dare un’occhiata più da vicino.”

Nel Portogallo, infatti, la Lightsource BP ha fatto un’altra grande mossa nel solare europeo con un accordo di co-sviluppo da 1,35 GW, dove sta anche cercando opportunità nell’idrogeno verde. 

In Grecia, Lightsource BP ha aperto il suo secondo nuovo mercato in una settimana, vincendo il 40% della capacità assegnata in un’asta di energie rinnovabili del governo greco in cui il fotovoltaico ha spazzato via il tabellone. Lightsource BP costruirà 140 MW di fotovoltaico che ha vinto la gara d’appalto in Grecia come parte di un più ampio portafoglio di 640 MW da sviluppare in collaborazione con un

 “Nel tempo possiamo vedere la presenza di una regione EMEA e di una regione Asia Pacifico e Americhe. Dobbiamo costruire quella terza gamba dello sgabello. ” L’avventura asiatica di Lightsource BP potrebbe includere opportunità di co-locazione del solare con altre industrie, in particolare l’acquacoltura, ha affermato Boutonnat.

Era più cauta riguardo al solare galleggiante, un settore in cui il developer è stato uno dei primi pionieri in Europa e che è destinato a una rapida espansione nel sud-est asiatico. Sebbene ha ammesso che la tecnologia galleggiante abbia fatto molta strada negli ultimi anni, Boutonnat ha affermato: “Il problema con il galleggiante è che è più costoso del solare standard montato a terra. Hai anche tutti i problemi di salute e sicurezza che derivano dall’accoppiamento dell’acqua con l’elettricità.”

 La JV e il gigante petrolifero stanno lavorando insieme su una serie di opportunità nell’idrogeno verde, che è “chiaramente la prossima grande opportunità” per l’energia rinnovabile, e dove si aspetta di vedere progetti solari/H2 competitivi entro circa cinque anni, a seconda del mercato e applicazione.

Lightsource BP è uno dei due assi chiave della strategia di energia rinnovabile di BP, che con 50 GW netti entro il 2030 è tra le più ambiziose di qualsiasi importante attore di petrolio e gas. L’altro asse è l’eolico offshore, dove BP ha già occupato posizioni importanti nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Latest article